Due bracconieri braccati e colti sul fatto

0

FIRENZE – Il personale della Stazione Carabinieri Forestale di Ceppeto a seguito di segnalazione si portavano in località “Lago la Cassiana” nel comune di Calenzano dove giungevano alle ore 21:30 circa. La segnalazione riguardava la presenza di due persone all’interno dell’area recintata del Lago di pesca sportiva la Cassiana. La pattuglia alle 00:20 intercettava un’autovettura e due persone identificate successivamente. Entrambe avevano al seguito il fucile da caccia e munizionamento. Gli stessi collaboravano alle richieste della pg fornendo sia armi e munizioni e accompagnando gli agenti accertatori nei luoghi degli appostamenti utilizzati per la caccia agli ungulati. In particolare venivano consegnate spontaneamente ai militari operanti  nr. 16 cartucce calibro 12 a caricamento spezzato (terzarole) e 2 cartucce caricate a palla mentre sparse nell’abitacolo del veicolo venivano rinvenuta una notevole quantità di munizioni pari a n. 23 oltre che un pugnale da caccia con lama lunga cm 9 ed un puntatore luminoso artigianale da applicare al fucile.

Veniva inoltre rinvenuto un sacco pieno di pane raffermo, tipicamente usato per la “pastura” della fauna selvatica. La pg proseguiva l’accertamento visionando i luoghi dell’appostamento per la caccia tipica agli ungulati,  dove erano allestiti almeno tre punti di foraggiamento con pane raffermo e castagne e un punto di sparo.

Ai due incauti “cacciatori notturni” deferiti all’Autorità Giudiziaria sono stati contestati i reati di cui all’ art. 699 del C.P. (porto abusivo di arma);  art. 30 lettera f) L. 157/92 e smei (esercizio della caccia in giorno di silenzio venatorio);  art. 30 lettera l) L. 157/92 e sm (foraggiamento cinghiali fuori dai limiti consentiti). Sono state sequestrate armi e munizioni.

I due soggetti erano attenzionati da tempo proprio per fatti dediti ad attività di bracconaggio ai danni della fauna selvatica.

No comments

12 + diciotto =