Mangusta 2016: anche Usa, Francia e Olanda all’esercitazione della Folgore

1
5-consolidamento

LIVORNO – 
E’ terminata oggi l’esercitazione “MANGUSTA 16”.
L’evento, che ha visto interessate tre Forze Armate Italiane (Esercito, Aereonautica e Carabinieri) e quattro diverse Nazioni (Italia, USA, Francia e Olanda) ha rappresentato, difatti, la più grande attività a partiti contrapposti mai svolta quest’anno sul territorio Italiano dalla Brigata Paracadutisti Folgore.
Sono stati schierati sul terreno circa 1000 paracadutisti dell’Esercito Italiano, appartenenti a tutti i Reggimenti della Brigata Folgore, 190 uomini forniti in concorso dal 41° Rgt Cordenons, 17° rgt ADA Sforzesca e 121° Rgt ADA, 5° Rgt Rigel con due asetti Mangusta A129, 1° Rgt Antares con due assetti CH 47F e, per i collegamenti e il comando e controllo sono stati impiegati il 2° Rgt Trasmissioni e il 33° Rgt Guerra Elettronica. Hanno inoltre preso parte alle operazioni 140 paracadutisti americani della 173^ Airborne Brigade di stanza a Vicenza, 32 paracadutisti Francesi del 17° Reggimento Genio e 31 paracadutisti Olandesi dell’11^ Aereobrigata D’Assalto.
L’attività, improntata al massimo realismo e condotta senza soluzione di continuità, è iniziata con l’aviolancio dei plotoni esploratori che hanno individuato, ricognito e marcato le zone di lancio per la forza d’assalto e acquisito gli obiettivi sensibili e le informazioni sul nemico attestato presso l’aereoporto di Ampugnano (SI).
Successivamente hanno avuto luogo gli aviolanci degli scaglioni assalto, da una formazione composta da un C130 H statunitense e un C130 J Italiano della 46^ Aereobrigata di stanza a Pisa.
L’aviolancio in formazione mista è un’attività che non veniva realizzata da molti anni ed è stata nuovamente posta in essere grazie alla fattiva collaborazione tra Esercito e Aereonautica. Dopo la presa dell’aereoporto da parte dei paracadutisti della Task Force Alcione, composta da Paracadutisti del 186° Reggimento, del 183° Reggimento, 8° Reggimento Guastatori Paracadutisti e paracadutisti Statunitensi, sono stati aviolanciati dei rifornimenti da un Dornier del 1° reggimento Aves Antares.
Infine, un velivono C27J Spartan della 46^ Aereobrigata, dopo una fase di volo tattico, è atterrato in sicurezza presso l’aereoporto di Ampugnano scaricando un veicolo da trasporto tattico, essenziale per lo sviluppo della manovra. Tra le varie attività, che si sono succedute nell’arco di due intense settimane presso il poligono di Monteromano, assume notevole importanza anche l’elisbarco del Posto Comando Avanzato che ha coordinato gli assalti direttamente sul terreno, e l’elitrasporto, condotto da un CH 47F, di un container e di un VTLM Lince. Altri importanti risultati sono stati raggiunti nell’ambito dell’impiego dei sistemi di comando e controllo, nell’implementazione del ciclo di targeting e nel battle & air space management. A Conferma dell’ottimo lavoro svolto e dell’incremento dell’interoperabilità tra Eserciti alleati all’esercitazione Mangusta 16 sono intervenuti in il Comandante delle Forze Operative Nord, Generale Bruno Stano, il Comandante della Divisione Friuli, Generale Carlo Lamanna ed un rappresentante del Comandante della 11aBrigata paracadutisti Francese .

1 comment

Post a new comment

17 + undici =