Lutto alle Bocchette, l’area industriale perde Salvatore Covelli, titolare del Cantiere Nautico 83

0
unnamed

CAMAIORE – L’area industriale delle Bocchette perde un altro esempio di imprenditoria virtuosa e di eccellenza, con la triste scomparsa di Salvatore Covelli, titolare della nota azienda Cantiere Nautico 83, storica azienda che dai primi anni ’80 aveva iniziato la sua attività con la costruzione, il  rimessaggio e la verniciatura di interni ed esterni di natanti da diporto.

Un’azienda che nel corso degli anni, grazie all’esperienza, alla capacità e all’intuito di  di Salvatore, accompagnato dai figli Luca e Rossella ed il genero Bruno, si è specializzata nella verniciatura navale, divenendo una delle più importanti realtà dell’indotto nautico del territorio provinciale e non solo.

Azienda che nel corso degli anni, nonostante le difficoltà economiche, ha costantemente investito in nuovi impianti ed attrezzature, rivolgendosi anche al mondo civile e ad altri importanti settori, come quello illuminotecnico, automobilistico e della balneazione, tanto da ricevere un importante riconoscimento da parte della Camera di Commercio di Lucca, per i miglioramenti aziendali effettuati.

Di Salvatore non si può non menzionare la sua profonda passione professionale, l’amore verso la sua attività, costantemente orientata ad offrire prodotti unici, di alta qualità e specializzazione, oltre che la sua grande onesta intellettuale, riconosciuta da tutti, come sua profonda caratteristica personale. Un’eccezionalità che lo ha caratterizzato anche nella sua malattia,  esempio di dignità e coraggio, per la famiglia ed i suoi dipendenti.

Un profondo cordoglio a tutta la famiglia, da parte del Consorzio e di tutte le imprese del comprensorio, commenta il Presidente Benaglio, con un anno difficile per l’area industriale che in pochi mesi, ha subito la scomparsa di diversi imprenditori virtuosi, che hanno dato molto al territorio e all’imprenditoria di qualità.

La famiglia Covelli tiene a ringraziare le tante persone per il sostegno, l’affetto ricevuto e la vicinanza dimostrata.

No comments

quattro × quattro =