Mese puccinianao, al gran teatro sul lago lo Stabat Mater di Piero Nissim

0
pucciniano

TORRE DEL LAGO – Con l’anniversario della scomparsa di Giacomo Puccini, martedì 29 novembre, ha preso il  via il MESE PUCCINIANO la rassegna invernale della Fondazione Festival Pucciniano che propone tra il 29 novembre e la data anniversario della nascita del Maestro il 22 dicembre,  una serie di interessanti appuntamenti all’insegna di musica,  dell’arte,  della  letteratura e del cinema, con la novità, in questa edizione della programmazione di eventi  in luoghi insoliti della città,   ma anche in altre prestigiose location della Versilia  in collaborazione con altre istituzioni della Versilia, in particolare con il Comune di Forte dei Marmi e il Comune di Seravezza.

 I Concerti

Nutrito il programma dei concerti, che vedrà  protagonisti i giovani artisti dell’Accademia di Alto Perfezionamento del Festival Puccini, la Scuola di perfezionamento per giovani artisti  che accoglie giovani da tutto il mondo che a Torre del Lago trovano l’ambiente ideale per  proseguire nel difficile percorso di studio del canto. Il primo interessante appuntamento con la musica è

domenica 4 dicembre ( ore 16.00) nella  – – Chiesa di San Giuseppe  di Torre del Lago (ingresso libero) con lo STABAT MATER  – Musica di Piero Nissim –

unnamed

Lo Stabat Mater del musicista pisano Piero Nissim sul classico testo liturgico di Jacopone da Todi, è  una composizione per 4 voci soliste e organo;  più   che di un concerto si tratta di una meditazione spirituale che permette in qualche modo di varcare i confini delle religioni: il tema del dolore, del grande pianto laico e civile che pervade la scena richiama a prendere in considerazione il pianto di tutte le madri per i loro figli morti (e rinati nelle loro lacrime) su tutte le croci della Terra, piantate in ogni spazio e tempo dalla ferocia dell’uomo: sulla collina del Golgota, ieri; sui campi di ogni guerra, da sempre; nel mare di Lampedusa, oggi. Dopo aver affrontato e musicato vari Lieder del Romanticismo tedesco,- scrive il musicista Nissim nelle sue note del programma di sala – in una sorta di “sfida” con i Maestri del passato, mi cimento qui con un altro classico della musica liturgica tradizionale – lo Stabat Mater – ancora nel tentativo, superando troppo facili etichette, di dare spazio in nuove forme a generi del passato considerati in un certo senso improponibili nella musica contemporanea. Questo perché sono persuaso che i compositori odierni, così come i poeti e gli scrittori, abbiano ancora tanto da dire ripercorrendo in forme e sensibilità nuove anche stili e schemi “del passato”. Le note, come le lettere dell’alfabeto del resto, sono quelle. Ma è ancora possibile mescolarle in nuove alchimie dell’arte e dell’anima, senza ricorrere per forza a modi di scrittura, spinti all’estremo dello “sperimentalismo”, a volte (spesso) incomprensibili.

Il prossimo appuntamento dei Concerti del Mese Pucciniano  è in programma mercoledì 7 dicembre (ore 21.00) presso l’Auditorium Caruso del Gran Teatro. Un concerto che segna l’avvio dei corsi dell’Accademia 2016-2017 con la presentazione dei giovani e il  saluto della Fondazione. La serata sarà anche l’occasione per annunciare il programma 2017 del Festival Puccini.

No comments

cinque × 2 =

11825962_1613936348884380_6890563234532177949_n

Furti a raffica, catturati due ladri

MASSAROSA – Nel corso dello svolgimento degli assidui servizi di prevenzione volti al contrasto ed alla repressione dei reati in genere, effettuati nel territorio di ...