13enne costretta a prostituirsi: indagati i genitori

PISA – I fatti risalgono al 2013. Due genitori avrebbero fatto prostituire la figlia di 13 anni in cambio di regali e ricariche telefoniche.
A quanto risulta dalle ricostruzione gli avvenimenti sarebbero venuti alla luce nel 2015 per una telefonata anonima fatta da uno degli adulti che avrebbero abusato della ragazzina ai Carabinieri.

La ragazzina, al momento della scoperta dei fatti, fu subito affidata ad una struttura protetta e, quando ha raggiunto la maggiore età, è andata a vivere presso alcuni parenti.L’inchiesta è coordinata dalla Dda di Firenze.
Secondo quanto ricostruito, due adulti avrebbero abusato della 13enne con il consenso dei genitori. Oggi a Firenze si è svolta l’udienza preliminare per i quattro imputati accusati di violenza sessuale su minore ( i due genitori e i due adulti che avrebbero abusato dalla ragazzina ) con la richiesta di rinvio a giudizio.
Gli avvocati difensori hanno chiesto approfondimenti e l’udienza preliminare è stata sospesa e rinviata