15mila segnalazioni con l’Urp Digitale, schede con semafori, mappa bisogni e risposte

0

PIETRASANTA – Schede con semafori (verde per l’inserimento della segnalazione, giallo per ricordare che intervento non ha ancora avuto una risposta e rosso quando la scadenza, che al massimo è di 30 giorni, non ha trovato ancora una risposta ), mappa dei bisogni per raccogliere le segnalazioni dei cittadini che saranno inserite nel piano triennale delle opere e risposte via mail e via telefono, quando manca il primo strumento, a tutti: il 70% delle segnalazioni, 15.054 quelle arrivate dal 3 aprile, raccolte dal nuovo Urp Digitale ha trovato una soluzione. La nuova era del Front Office del Comune di Pietrasanta, tornato nuovamente al centro nel dialogo quotidiano tra cittadini e municipio, ha festeggiato sei mesi dal suo debutto. “L’Urp rappresenta il primo avamposto nel dialogo tra tutti i cittadini e l’amministrazione; – spiega Daniele Mazzoni, Vice Sindaco – uno strumento troppo importante che abbiamo trovato, al nostro insediamento, spogliato della sua utilità e delle sue funzioni. In questi due anni e mezzo ci siamo anche preoccupati non solo di eseguire interventi, aprire cantieri, sistemare le scuole ma anche di migliorare la comunicazione con i cittadini. Le loro segnalazioni sono state, in molti casi, tempestive e preziose. Sono il segno di un attaccamento alla città”.

Oggi un cittadino può contattare l’Urp attraverso il numero verde gratuito, la mail oppure anche via Facebook per segnalazione disservizi, lampadine bruciate, rifiuti abbandonati e così via, e trovare sempre una risposta attraverso l’inserimento nel nuovo data base e la possibilità per il cittadino, mediante una scheda personalizzata, di seguire l’iter della pratica ed il suo stato di avanzamento. “L’Urp Digitale del nostro comune – spiega Adamo Bernardi, Capo di Gabinetto del Sindaco – è tra i più avanzati oggi tra gli enti locali perché è connesso direttamente agi uffici comunali ma anche ad Ersu, Enel, Telecom ed altri enti terzi, che hanno una tempistica per fornire una risposta o una motivazione in caso di impossibilità nel realizzare l’intervento richiesto. Il sistema a semafori fornisce ogni giorno la mappatura degli interventi eseguiti, ancora da eseguire e in scadenza”.

In pratica 7 segnalazioni su 10 sono contrassegnate dal semaforo verde. Le segnalazioni che non possono essere “evase” entro 30 giorni e che prevedono un percorso più lungo come la realizzazione di nuovi marciapiedi ed impianti di illuminazione, asfaltature o infrastrutture viarie come rotonde e strade che necessitano di programmazione, progetti e risorse consistenti, confluiscono nella “mappa dei bisogni”, una lista di richieste pervenute direttamente cittadini con cui l’amministrazione comunale costruirà di volta in volta il piano triennale delle opere. L’Urp corre a fianco del nuovo sito e dei nuovi nuovi canali per la comunicazione in tempo reale. Pietrasanta è tra enti locali più social d’Italia. L’amministrazione comunale ha enormemente potenziato la comunicazione online (comunicati stampa e redazione contenuti) ed online (social etc) puntando forte sull’impiego sistemico e coordinato dei social network come Facebook ed Instagram e social media come You Tube. L’obiettivo è informare con puntualità, semplicità, immediatezza e diversi cando gli strumenti, la comunità ed i visita- tori-turisti. La pagina Facebook, diventato il mezzo di informazione più aderente alle necessità di comunicazione dell’amministrazione, è passata da 6,800 like del 1 luglio 2015 – data di insediamento del nuovo staff – agli attuali 14,000 (+105%) toccando l’impressionante tetto dei 900 mila utenti raggiunti – cifra monstre per un comune di 25mila abitanti – ed oltre 1milione di visualizzazioni dei video postati e condivisi (fonte Insights). Da segnalare che non è stato speso un solo euro per promuovere post o “spingere” video e notizie. Attivato anche un pro lo Instagram “CityofPietrasanta” rivolto agli utenti stranieri ed in lingua inglese. Instagram ha un compito esclu- sivo: comunicare attraverso materiale fotogra co e messaggi concisi tutti i principali eventi con il chiaro intento di “veicolare” la parte turistica, culturale ed artistica del territorio. “I cittadini devono essere informati – conclude Bernardi – di come e perché sono impiegate le risorse del bilancio. La distanza tra palazzo e la città è stata colmata, che era uno dei nostri obiettivi, è stata colmata”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: