Pedofilia, accolto il ricorso del vescovo australiano

SYDNEY- L’ex arcivescovo Adelaide Phillip Wilson , 68 anni,  era stato condannato per aver occultato gli abusi sessuali negli anni ’70 del prete pedofilo James Flechter.Tale caso giudiziario è stato al centro di molte riflessioni sulla linea anti pedofilia della Chiesa e di Papa Francesco. In Australia la Royal Commission che ha indagato a lungo sul fenomeno della pedofilia , rivelando che almeno il 7 % dei preti cattolici hanno abusato di bambini negli ultimi decenni.”Ci vuole molto coraggio – dicono i vescovi –  perché i sopravvissuti si facciano avanti per raccontare le loro storie. Sono stati di vitale importanza nell’aiutarci a imparare la lezione della nostra vergognosa storia di abusi e occultamenti.”Dichiarato colpevole lo scorso maggio per aver tenuto segreti gravi reati , la Corte distrettuale di Newcastle, ha accolto quest’oggi il ricorso di  Adelaide Philip. L’ex arcivescovo, vice presidente della Conferenza episcopale australiana, è il più alto prelato cristiano al mondo ad essere stato condannato per questo reato. Quest’oggi ha vinto l’appello contro la condanna a 12 mesi di reclusione .  Il giudice Roy Ellis delle Corte a nord di Sydney, conclude dicendo che vi è “ragionevole dubbio” che il sacerdote abbia commesso il reato.