Spinge donna sotto un’auto ed evita l’arresto: «Manca la flagranza di reato»

Un arresto divenuto una questione di diritto :il magistrato ha disposto l’immediata scarcerazione di un 31enne somalo, in Italia con un permesso di asilo politico scaduto indagato per le lesioni occorse a una 57enne fiorentina. Viene spinta mentre aspettava il verde per attraversare la strada. E’ rimasta a terra in stato di choc, mentre l’automobilista che ha assistito all’episodio e altri sono scesi dalle auto raggiungendo il 31enne e bloccandolo fino all’arrivo della polizia. Gli agenti sul posto, opo aver raccolto i racconti della gente sul posto, hanno proceduto all’arresto. Ma la privazione della libertà del 31enne è durata poco. Giusto il tempo di trasmettere gli atti in procura. In serata, il pm ha infatti firmato il decreto di liberazione dell’arrestato, previsto dall’articolo 389 del Codice di procedura penale.

La procura sostiene di aver applicato la legge, in particolare, una pronuncia delle sezione unite della Cassazione, citata nel decreto firmato dal pubblico ministero Antonino Nastasi, secondo cui «è illegittimo l’arresto in flagranza operato dalla polizia giudiziaria sulla base delle informazioni fornite dalla vittima o da terzi nell’immediatezza del fatto, poiché, in tale ipotesi, non sussiste la condizione di quasi flagranza la quale presuppone l’immediata e autonoma percezione, da parte di chi proceda all’arresto, delle tracce del reato e del loro collegamento inequivocabile con l’indiziato».

Nonostante le accuse la legge ha espresso il proprio giudizio , coloro che hanno assistito alla scena , non comprendono né condividono l’esito. In particolare perché, solo per qualche centimetro, la donna non è stata travolta da una Mercedes. La 57enne è stata spinta nel caos del traffico fiorentino senza alcun motivo di fondo, salvandosi per qualche centimetro, o semplicemente per il volere del fato.  In tanti hanno assistito alla scena. Qualcuno ha bloccato l’uomo. Il clima si è fatto subito incandescente, per la paura per le condizioni della donna..

Sul posto un’ambulanza ha portato la donna all’ospedale di Torregalli  dove le è stata riscontrata la lussazione della spalla e una frattura pluri frammentata e scomposta dell’omero. Nulla di realmente. Al momento le sono stati dati 30 giorni di prognosi, ma la settimana prossima verrà sottoposta a un intervento chirurgico. L’uomo, incensurato, di fatto irregolare in Italia per la scadenza del permesso di soggiorno per asilo politico, ha parlato in un inglese forzato non dando alcuna giustificazione al gesto.

firenze