Caserma dei vigili del fuoco di Lucca: sbloccati i fondi per i lavori di riqualificazione

LUCCA – Si sblocca l’iter per il progetto di recupero e la messa in sicurezza della caserma dei Vigili del Fuoco di Lucca, con la Provincia che conta di procedere all’aggiudicazione della gara di appalto dei lavori nelle prossime settimane per aprire il cantiere tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio 2019.

L’annuncio è stato dato stamani – lunedì 17 dicembre – dal presidente della Provincia Luca Menesini e dalla dirigente dell’Ufficio tecnico di Palazzo Ducale Francesca Lazzari nel corso di un sopralluogo svoltosi nella sede dei VVF di S. Marco dove gli amministratori e i tecnici provinciali si sono incontrati con il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Lucca Geremia Coppola e una rappresentanza sindacale dei lavoratori.

In questi giorni sarà firmata la determina dirigenziale che approva il progetto esecutivo e, contestualmente, avvia le procedure per la gara di appalto dell’intervento da 450mila euro. Ma soprattutto la Provincia ha ricevuto comunicazione positiva in questi giorni dalla Cassa Depositi e Prestiti in merito alla devoluzione di alcuni mutui con il relativo sblocco dei fondi dedicati alla caserma costruita negli anni ‘60.

Il presidente Menesini ha spiegato nel corso del sopralluogo che “questo intervento è un impegno che ci siamo presi e che manteniamo, perché il corpo dei Vigili del Fuoco merita una struttura all’altezza dell’importante lavoro che svolge quotidianamente al servizio dei cittadini. I ritardi sono stati legati a problemi di natura amministrativa. Tutti sapete delle difficoltà in cui versano le Province d’Italia, non è un mistero. Nonostante questo, la Provincia di Lucca riesce a svolgere le sue funzioni, grazie a passione e professionalità. Con questi lavori dimostriamo concretamente che gli impegni si rispettano e si rispettano sul serio, nell’interesse di tutto il territorio”.

Ricordiamo che il recupero di parte della sede dei pompieri prevede un investimento di 450 mila destinati alla sostituzione completa del manto di copertura della caserma (zona dormitori e mensa), alla sua coibentazione e all’impermeabilizzazione, nonché il rifacimento delle gronde e la sostituzione / integrazione dei canali e dei discendenti. A questi lavori si affiancano la demolizione del controsoffitto pesante che ha evidenziato problemi di sfondellamento, la ricostruzione del controsoffitto in fibra leggera con l’inserimento di nuovi corpi illuminanti a Led a basso consumo e la ridistribuzione dell’impiantistica nel sottotetto. Inoltre verranno sistemate anche alcune parti esterne che evidenziano segni di ammaloramento del cemento armato.

Nel frattempo gli uffici amministrativi dei Vigili del Fuoco hanno avviato l’iter per l’acquisto di alcuni prefabbricati che saranno posizionati nel cortile della sede destinati ad ospitare temporaneamente i dormitori quando questi saranno interessati dai lavori.

I lavori, in base al capitolato d’appalto, dureranno 150 giorni.

Dal canto loro, i rappresentanti sindacali dei pompieri – chiedendo maggiore attenzione da parte della Provincia – hanno manifestato nuovamente al presidente Menesini i loro disagi e le difficoltà a lavorare tutti i giorni in un ambiente non più adeguato alle esigenze attuali facendo appello alla politica affinché, al di là di questo primo intervento di sistemazione e messa in sicurezza della sede di S. Marco, venga ipotizzata un’opera più complessiva di riqualificazione della caserma. Su questo punto il presidente Menesini, vista la situazione precaria dei bilanci delle Province italiane, si è detto disponibile ad interessare i livelli superiori delle istituzioni, in primis il Ministero dell’Interno da cui i VVF dipendono, per reperire le risorse economiche da destinare ad un intervento più generale e più a lungo termine dell’immobile che ospita i Vigili del Fuoco.