Allarme lupi. Il sindaco: “sicurezza a rischio”

FIRENZE- Gli avvistamenti si moltiplicano, ormai lupi sono di casa nei boschi sull’Appennino mugellano. Mai però si era trovato un lupo così vicino ai paesi e alle abitazioni, com’è accaduto a Scarperia.

E il sindaco del Comune di Scarperia e San Piero Federico Ignesti lancia l’allarme: “Ora chiamo il prefetto perché la situazione sta diventando insostenibile. A questo punto è in ballo la sicurezza delle persone, e occorre intervenire”.

E periodicamente anche gli allevatori di bovini subiscono perdite. La Regione ha chiesto al Ministero di cambiare le quote di prelievo del lupo, gli enti locali hanno sostenuto questa richiesta. Ma in concreto niente è stato fatto, e a certi livelli vi è la tendenza a minimizzare e sottovalutare.

“In Toscana si contano oltre cento branchi, con ottocento lupi, per non contare la presenza degli ibridi. E questo animale si sta avvicinando sempre più alle zone antropizzate. Forse per i cambiamenti climatici, o forse per seguire le loro prede, visto che anche caprioli e cinghiali sono sempre più vicini ai centri abitati. Una situazione nuova, e preoccupante – conclude Ignesti – che va affrontata seriamente e concretamente.”