Girava armato per minacciare persone persone di idee politiche diverse dalle sue

LUCCA- La mattina di sabato 13 aprile, il personale della DIGOS ha eseguito una perquisizione domiciliare alla ricerca di armi, munizioni ed esplosivi a carico di un soggetto che, secondo alcune segnalazioni, si aggirava armato di pistola in zona Capannori. Sulla base delle descrizioni, gli investigatori sono riusciti a risalire ad un soggetto, noto in quanto simpatizzante dei movimenti di estrema destra.

La perquisizione nella sua abitazione ha avuto esito positivo, permettendo di rinvenire e sequestrare:

  • un fucile, del tipo “doppietta calibro 12”, smontato ma perfettamente funzionante, in buono stato di conservazione;
  • 11 cartucce cariche, di cui 10 in calibro 12 ed 1 cartuccia calibro 20;
  • circa 50 cartucce di diversi calibri;
  • un fucile monocanna marca Beretta calibro 24, avente matricola 63719 oltre a diverse cartucce;
  • una pistola scacciacani, occultata sotto un armadio, con relativo munizionamento;
  • uno sfollagente telescopico, in metallico;
  • una mazza tipo baseball;

I successivi accertamenti sulla matricola della doppietta calibro 12 hanno permesso di appurare che alcuni numeri erano stati alterati, con una ripunzonatura che, di fatto, ha reso l’arma clandestina, motivo per il quale il soggetto è stato tratto in arresto ai sensi della normativa in materia di armi.

Il magistrato ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti del soggetto, ed ha richiesto la convalida dell’arresto al GIP del Tribunale di Lucca, il quale ha fissato l’udienza per la mattina di martedì 16 aprile p.v.

L’uomo è stato altresì deferito per altri reati: ricettazione per la detenzione dell’arma clandestina; detenzione illegale di un fucile non dichiarato all’Autorità di PS, detenzione abusiva di munizionamento.