Minorenni adescati sulle chat dei videogiochi: denunciato un 32enne fiorentino

FIRENZE – In seguito all’episodio scoperto alcuni mesi fa dalla polizia postale di Cagliari avvenuto sulla chat di Fortnite (videogioco), arriva adesso un’altra operazione condotta dagli stessi specialisti, che porta a galla una sconcertante verità: l’adescamento dei minorenni avviene spesso sulle chat dei videogiochi. Denunciato per corruzione e adescamento di minorenne un 32enne di Firenze.

L’uomo ha adescato un bambino di soli otto anni sulla chat del videogioco “Clash of Clans” e poi su whatsapp gli ha chiesto delle foto nudo. Le indagini della Polpost, coordinate dal dirigente Francesco Greco, sono iniziate alcune settimane fa quando la madre del bambino ha scoperto il messaggio che il 32enne aveva inviato al piccolo. Ha chiesto subito spiegazioni al figlio che ha raccontato di aver conosciuto il 32enne sulla chat del videogioco. La donna ha subito segnalato l’episodio alla polizia postale che individuato l’uomo. Gli agenti di Firenze hanno perquisito la sua abitazione, trovando il telefonino con i messaggi. Tutto il materiale informatico è stato sequestrato.