10mila tonnellate di rifiuti smaltiti illegalmente, scoperti i colpevoli

PISA- Tra le persone arrestate nell’ambito dell’operazione contro lo smaltimento illecito di rifiuti condotta dai carabinieri del Noe di Milano, c’è anche un imprenditore di Pisa.

L’uomo era titolare di una ditta, ora fallita, attiva nel recupero di rifiuti ferrosi nelle zone del Grossetano, di Piombino e della Val di Cecina. Sempre in base a quanto emerso, le attività illecite di cui è accusato non sarebbero avvenute in Toscana ma in regioni del Nord Italia.

L’operazione riguarda appunto lo smaltimento illecito di rifiuti tra il Nord e Sud Italia. I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Milano stanno eseguendo un’ordinanza di misura cautelare e decreto di sequestro preventivo emessi dal gip del Tribunale di Milano su richiesta della Dda nei confronti di un’organizzazione ritenuta responsabile di traffico illecito di rifiuti, realizzazione di discariche abusive e intestazione fittizia di beni, che avrebbe smaltito illecitamente circa 10mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla Campania e da vari impianti del Nord Italia.