Acquistano pc e tablet con documenti falsi: arrestati dalla Polstrada

AREZZO – Lo scorso fine settimana, la Polizia Stradale di Arezzo ha arrestato due truffatori, di circa 30 anni e originari della Campania che, con documenti falsi, avevano poco prima acquistato p.c, stampanti e altra merce.

I lestofanti sono stati rintracciati di sera a bordo di una Renault, vicino Monte San Savino, mentre stavano rientrando verso Napoli. L’auto è transitata davanti a una pattuglia della Sottosezione di Battifolle, che stava monitorando il traffico sull’A/1 alla ricerca sia di automobilisti indisciplinati che di delinquenti.

I poliziotti, esperti investigatori, avendo notato l’aspetto poco rassicurante dei due, li hanno fermati. I sospetti sono stati confermati dalla centrale operativa della Polstrada, dai cui terminali i due risultavano pregiudicati per droga e per furto. Ispezionando l’abitacolo, gli agenti hanno scoperto sotto la tappezzeria sei carte d’identità, tutte con la foto di uno dei due truffatori ma con nomi diversi, oltre a buste paga, tessere sanitarie e codici fiscali taroccati. Sono saltati fuori pure una ricevuta di acquisto di un p.c., di un tablet e di una macchina fotografica che i due avevano effettuato ingannando il titolare dello store della Apple a Marghera, nonché due chiavette, con dentro i programmi necessari a riprodurre quella documentazione falsa.

La Stradale, che ha sequestrato tutto ai malviventi, compresa la Renault da loro noleggiata per non farsi identificare, ha condotto i due presso il carcere di Arezzo e, a breve, restituirà la merce recuperata al proprietario.

Lascia un commento