Addio a Maria Pia Bertolucci, volontariato in lutto

Capannori, la Piana e tutta la Lucchesia in lutto per la scomparsa, a soli 58 anni, di Maria Pia Bertolucci, governatore della Misericordia di Capannori e volto notissimo della vita sociale e politica. Bertolucci, che era malata da tempo, aveva la politica nel sangue. Dal 1990 al 1995 era stata consigliera comunale sotto le insegne della Democrazia cristiana, ricoprendo anche per un anno il ruolo di vicesindaco. Poi, nel 1995, il “salto” in consiglio regionale con Toscana Democratica, la lista a sostegno del presidente Vannino Chiti. Nel 2014, poi, era arrivata la sfida con il centrodestra per diventare sindaco di Capannori, terminata con una sconfitta ad opera di Luca Menesini. Ma Maria Pia Bertolucci non era solo politica. Il suo impegno nel volontariato l’aveva portata ai livelli più alti delle Misericordie italiane. E poi c’era l’attività imprenditoriale: era infatti presidente della Cooperativa Idea, che gestisce il museo della Cattedrale di Lucca e la Casa del Boia. La notizia della sua scomparsa si è propagata velocemente in tutto il paese, proliferando, specialmente sul web e sui social, migliaia di messaggi di cordoglio, specie dai suoi volontari a lei molto legati e che aveva sempre trattato come figli. La camera ardente verrà allestita da oggi, giovedì 21 febbraio, presso Casa Caterina sulla via Romana, a pochi metri dalla chiesa, dalle 13, edificio per la quale Maria Pia Bertolucci aveva dato anima e corpo per realizzare una serie di attività al servizio della comunità.