Addio piccola Sofia: staccato il respiratore alla bimba ritrovata nel canalone

0

FIRENZE – ( di Letizia Tassinari ) – Addio piccola Sofia. Dopo aver attivato la procedura per l’accertamento della morte cerebrale ( LEGGI ANCHE: Ritrovata nel canalone: per la piccola procedure per morte cerebrale  ), la Commissione ha staccato le macchine alle quali la bambina, Sofia Pancrazi, ritrovata in un canalone nel bosco sopra Reggello domenica mattina, dopo una notte di ricerche, era attaccata. Una tragedia immane quella che ha colpito la famiglia, che ha deciso di donare gli organi della figlia. La nonna, ricoverata a Careggi con trauma cranico si sta lentamente riprendendo, ma non ricorda. Sofferente di amnesie, era uscita col passeggino verso le 16 del pomeriggio di sabato scorso, poi non aveva fatto rientro. Di li l’allarme, con le ricerche andate avanti tutta la notte fino a quando la donna e la bambina erano state ritrovate in un luogo impervio dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. Un sentiero battuto, poi la vegetazione fitta. Due guadi da attraversare, dove nella terra erano state trovate le tracce delle ruote del passeggino. Una camminata di oltre 5 chilometri, in un orario buio, durante la quale gli inquirenti credono che la donna, Morena Ghinassi, 63 anni, sia sia smarrita, e poi il volo, nella scarpata, la notte al freddo, con la piccola recuperata dai soccorritori poco prima delle 7 del mattino in stato di ipotermia. Due giorni di agonia, e di speranza da parte dei medici del Meyer di strapparla alla morte, con la piccola operata all’addome, in un intervento delicato. Fino a stasera, poco dopo le 22, al termine della procedura: encefalgramma piatto, Sofia è deceduta.

 

 

No comments