Afferra un coltello da cucina e minaccia di morte i genitori

0

PONTASSIEVE – Nella giornata di ieri intorno alle13:00 una telefonata al numero del pronto intervento dei carabinieri segnalava una lite in famiglia. Una pattuglia della Tenenza di Pontassieve si portava immediatamente presso l’abitazione segnalata nella frazione San Francesco del comune di Pelago. I militari intervenuti si precipitavano all’interno dell’abitazione dove trovavano una coppia di coniugi in evidente stato di agitazione, con le facce stravolte dalla paura ed il respiro ancora affannoso. L’uomo, che poco prima aveva chiesto aiuto al telefono, raccontava che al culmine dell’ennesima discussione familiare, il figlio improvvisamente aveva afferrato un grosso coltello da cucina e puntandoglielo contro lo aveva minacciato di morte. Il giovane, un trentasettenne fiorentino con problemi di droga ed un trascorso difficile, all’arrivo dei militari si rifugiava nella sua camera all’interno del piccolo appartamento. Ai militari che cercavano di disarmarlo, in un primo momento, diceva di non avere più il coltello e di averlo buttato via, successivamente i carabinieri ispezionando la stanza rinvenivano il coltellaccio all’interno della borsa che il giovane aveva con se. Dentro la borsa c’era anche un pezzo d’hascisc e in un cassetto del comodino un cucchiaio da cucina bruciato nella parte inferiore, oltre ad un astuccio metallico con della polvere bianca che il giovane dichiarava subito essere bicarbonato da lui usato per purificare dalla sostanza da taglio l’eroina che assume. Il coltello della lunghezza complessiva di 32 cm e tutto il materiale rinvenuto venivano posti sotto sequestro; il giovane, già indagato dai carabinieri della Tenenza di Pontassieve, vista la gravità del gesto compiuto, veniva dichiarato in arresto per l’ennesimo episodio di maltrattamenti in famiglia. Avvisato dell’arresto, il PM di turno presso la Procura della Repubblica di Firenze, dott. Ferrigno, disponeva l’accompagnamento dell’uomo presso la casa circondariale di Sollicciano, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto e dell’interrogatorio di garanzia

No comments