Agguato degli ultras pisani a Empoli, 7 arresti e 76 Daspo

EMPOLI – Un agguato vero e proprio quello messo in atto dagli ultras pisani ai supporter bresciani vicino allo Stadio di Empoli. A renderlo noto è il Prefetto di Pisa Attilio Visconi su Facebook. Il bilancio dalla Questura di Firenze è di 7 arresti e 76 Daspo, con almeno 4 poliziotti del reparto mobile contusi e un funzionario ferito ad un occhio da una bastonata. Secondo una prima ricostruzione della Polizia, che sta ancora visionando le immagini girate dalla scientifica, i pisani sarebbero usciti da alcuni cespugli bloccando i pullman dei tifosi lombardi scortati dalle forze dell’ordine. Poi, con spranghe, hanno iniziato a colpire i mezzi. “Le prime notizie da Empoli mi danno 76 daspati, 7 arrestati e qualche altro in valutazione nonché numerosi feriti fra le forze dell’ordine- spiega Visconti -: “Era già stato fissato per mercoledì prossimo un Comitato per togliere al Pisa lo stadio di Empoli. Quanto accaduto li rinforza. Ma ciò che mi preoccupa è nello stesso tempo conferma le mie preoccupazioni è che in questo clima o l’Arena Garibaldi sarà sicurissima o non si riaprirà. Solidarietà, sostegno e affettuosi auguri agli operatori di polizia rimasti feriti negli scontri di Empoli. Ringrazio per l’abnegazione e la professionalità tutte le istituzioni che direttamente ed indirettamente hanno dovuto subire la violenza senza senso. Grazie anche al Sindaco di Empoli nei cui riguardi avverto un senso di mortificazione per ciò che è accaduto. Il Questore di Pisa che ha seguito insieme a me questo balordo pomeriggio si associa alle mie parole di riconoscenza e ringraziamento alle forze dell’ordine ribadendo il fermo convincimento che solo rigorosi lavori di messa in sicurezza potranno consentire la riapertura dello stadio pisano”.

 

 

 

Lascia un commento