Allagamenti al Noa, Bendetti presenta esposto e chiede accertamenti

MASSA – “Dopo l’allagamento del parcheggio esterno del Nuovo Ospedale delle Apuane, c’è da temere che durante il periodo invernale, ma anche nei prossimi anni, possa andare in tilt l’impianto di sicurezza realizzato per salvaguardare la struttura dai rischi di allagamento e quindi in tal caso aumenta la preoccupazione circa un sicuro disastro”. A scriverlo è il consigliere di Forza Italia Stefano Benedetti, componente della Commissione Sanità del Comune di Massa. “Per questo motivo – aggiunge –  chiedo l’intervento dei Vigili  del Fuoco che, contestualmente alla Protezione Civile, effettuino un sopralluogo per accertare i livelli di sicurezza sotterranea e la tenuta dello scannafosso, nonchè  le probabilità di funzionamento delle decine di pompe installate lungo il perimetro dell’ospedale e la preoccupazione principale nasce dal fatto che si è già bloccata la pompa di controllo dell’area esterna solo  a poco tempo di distanza dall’inaugurazione della struttura ospedaliera. Mi chiedo cosa potrebbe accadere se si bloccassero quelle di controllo dello scannafosso  e nel merito, mi riferiscono che lo stesso si è già riempito di acqua diverse volte. Io personalmente durante un sopralluogo eseguito insieme al Consigliere Casotti avevo rilevato la presenza di acqua all’interno dello scannafosso sotterraneo e mi era stato risposto da un tecnico che non si trattava di un problema rilevante ma semplicemente di una piccola quantità di acqua arrivata lì per caso. A mio avviso non è normale che un sistema antiallagamento come questo, costato un patrimonio e comprensivo di due grossi muri di cemento armato e decine di pompe, permetta  l’ingresso di acqua anche se in modiche quantità. Faccio osservare che l’ospedale è stato realizzato senza apportare modifiche sostanziali alle fognature e che le abitazioni limitrofe iniziano già ad avere una serie di problemi legati allo smaltimento dei liquami e che il previsto allaccio fognario non riuscirà sicuramente ad assorbire la grossa quantità giornaliera di liquami che fuoriescono dall’ospedale. Per quanto sopra, invito i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile ad intervenire prontamente per verificare le condizioni della parte interrata dell’ospedale e ad effettuare le prove necessarie per accertare la tenuta dello scannafosso, nonchè il livello di funzionalità delle pompe, perchè in caso di allagamento e di mal funzionamento o non funzionamento delle pompe le conseguenze potrebbero avere effetti disastrosi. Chiedo, inoltre al Sindaco di Massa, di accertare la tenuta del’attuale sistema fognario con le esigenze di contenimento dei liquami e quindi a recapitarmi la parte del collaudo relativa alla tenuta dello scannafosso e alle pompe di aspirazione dell’acqua”

Lascia un commento