Ambulanti e vigili urbani: “Caro dottor Manzo, guardi come si pattuglia”

3

VIAREGGIO – “Sabato 4 luglio ore 22 circa, Viareggio, Passeggiata Margherita. I turisti passeggiano lungo il viale tra i negozi tra vetrine, aiuole sabbiose, manto stradale disconnesso e marciapiedi rotti. Le baracche di plastica esterne ai bar sono aperte per lasciar entrare un filo di venticello nel caldo torrido che ci leva il respiro. Tra una e l’altra ad allietare il turista, che per l’occasione mondana ha indossato ciabatte nuove e maglietta di grido, stuoli di venditori ambulanti che spolverano efficacemente la merce ormai quasi legalizzata per negligenza di chi dovrebbe vietarla e combatterla. Ecco che passano due dei quattro poliziotti municipali che coprono il lunghissimo viale dalla cima del molo alla fossa dell’Abate”. La segnalazione, di un lettore di Tgregione.it, con tanto di reportage fotografico, arriva per mail: ” Due signore di aspetto gentile che passeggiano lentamente di cui una impegnata in una senz’altro importante telefonata privata visto che usa uno smartphone bianco non in dotazione alle nostre forze dell’ordine. Nel mentre che si avvicinano i venditori nascondono tutto 10 metri più in là poi, passato il pericolo, allestiscono nuovamente le bancarelle folkloristiche che danno un tocco di charmant alla nostra piccola Paris. Poco più in là la seconda coppia di vigili si trascina con il classico fare, molto incisivo, verso un locale, forse è successo qualcosa si chiedono i passanti ma entrati nella nota pasticceria vicino alla Rusticanella altro non fanno che rilassarsi 5 minuti con una pasta ed un caffè, ci voleva proprio! Ecco caro dottor Manzo come a Viareggio si pattuglia la passeggiata nel 2015, si allontanano gli abusivi e si da al turista una sensazione di sicurezza. Meno male che non abbiamo l’Isis alle porte, siamo proprio fortunati, godiamoci ancora questo spettacolo finché qualcuno (lei?) deciderà di cambiare qualcosa. Auguri! Un Viareggino con la V maiuscola”.

3 comments

  1. De Ambris amilcare 5 Luglio, 2015 at 16:14

    Il Signore che ha scritto quel bellissimo articolo denuncia riguardo al pattugliamento dei ns vigili urbani forse pensa che se gli stessi non avessero preso una bibita nella nota pasticceria i venditori abusivi non ci sarebbero più stati nel ns salotto buono?
    Non voglio sapere che lavoro fa questo signore ma allo stesso tempo non posso non pensare che forse anche lui qualche volta,durante l’orario di lavoro,si sia permesso una piccola sosta x un caffè.
    Concludo esprimendo un mio pensiero:
    quando si ha paura dei potenti si colpiscono i deboli.

  2. simo 5 Luglio, 2015 at 18:10

    Bella la vita da vigile eh? passeggiare tranquillamente un caffè 2 chiacchere e lo stipendio sul conto… lo voglio fare anche io! peccato che magari il lavoro è tutt’altra cosa. e vedere i marocchini vendere roba illegale senza licenza e senza pagare le tasse vuol dire semplicemente che c’è qualcuno che paga per la loro tranquillità = MAFIA … FATE SCHIFO!

  3. Il signore 5 Luglio, 2015 at 18:51

    Amilcare, visto che mi inviti a guardare oltre il debole ti invito a leggere oltre la pausa caffè. Mi sembra chiaro che il problema sia di gestione, non quei quattro agenti e ricordo che abbiamo circa 110 agenti in servizio nel nostro comune pseudocommissariato. Il messaggio infatti voleva arrivare oltre, al nuovo assessore beh non più in là mi dispiace. La speranza è che lavori bene e soprattutto faccia lavorare chi fino ad oggi a dimostrato ben poco. Credo che in molti la pensino come me in città, se te non sei d’accordo lo accetto senza alcun risentimento. Alziamo la testa Popolo!

Post a new comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: