Ancora sangue in piazza Dante: ferito a mani, gambe e testa e piantonato in Medicina d’Urgenza

1

VIAREGGIO – Ancora sangue in piazza Dante. Uno straniero, la nazionalità è ancora ignota, tunisino o marocchino, pare, almeno da quanto riferito dal 118, è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “Versilia” dove, piantonato, è stato ricoverato in Medicina d’Urgenza con delle ferite da difesa alle mani, alle braccia e alla testa dovute, sembra, da tagli procurati con un pedale di bicicletta. Il litigio, una rissa, iniziato alla ex Telecom, è finito alla Stazione, questa mattina, tra lo sconcerto dei cittadini, e sul posto è intervenuta la Polizia. Ennesimo episodio di violenza, ancora una volta in pieno giorno, che riaccende la polemica tra i residenti. Il ferito ne avrà per 30 giorni, mentra l’aggressore, J.I. del Marocco è stato arrestato.

“Nessun presidio interforze per la sicurezza della piazza e telecamere che ancora non arrivano – commenta la senatrice Manuela Granaiola:”Cosa devono fare, cosa devono dire gli abitanti della piazza perché una situazione che si trascina da così tanti anni venga almeno in parte risolta da chi ha il compito e il dovere di garantire la loro sicurezza, il loro diritto a vivere serenamente ? Gli strumenti ci sono tutti, a partire dalla legge Minniti, quelli tecnici anche, visto che le telecamere sono già finanziate, le risorse umane pure se organizzate opportunamente! A questo punto manca solo la volontà . Di chi? Perchè? Ho più e più volte sollecitato il Questore, il Prefetto e le forze di polizia sulla assoluta necessitá di un presidio interforze nella piazza, anche itinerante, ma ho ricevuto solo rassicurazioni statistiche, del tipo che gli eventi delittuosi sono calati. Peccato che non se ne sia accorto nessuno e che la disillusione dei residenti cresca di pari passo con l’insicurezza generata da una situazione davvero insostenibile!”

 

1 comment

Post a new comment