Antonio Megalizzi, il giornalista ferito a Strasburgo non ce l’ha fatta

Antonio Megalizzi non ce l’ha fatta. Il 28enne italiano, gravemente ferito alla testa, è la quarta vittima della strage di Strasburgo.

La comunicazione ufficiale è stata data dalle autorità francesi nel pomeriggio di giovedì, ma la morte sembra che risalga ad alcune ore prima.

Le condizioni di Antonio erano apparse disperate sin dal primo istante, sapevamo che stava lottando tra la vita e la morte.

La prima conferma della gravità della situazione era stata data nel pomeriggio di mercoledì dal professor Pascal Bilbaut direttore dell’ospedale Hautpierre, dove era ricoverato. Il proiettile sparato da un paio di metri di distanza da Cherif Chekatt lo aveva colpito alla base del collo, da dietro, arrivando a pochi millimetri dal midollo spinale. Inoperabile.

Micalizzi era un giornalista volontario di Europhonica, una web radio dedicata all’Europa, la sua passione. Pochi minuti prima dell’attentato era nella sede del Parlamento Europeo per fare un’intervista.