Appare nervoso all’arrivo degli agenti, sorpreso un tunisino con la droga

PISA – E’ bastato un gesto di nervosismo perché si tradisse e venisse scoperto. E’ finito così in manette un 59enne tunisino per detenzione ai fini di spaccio, in quanto sorpreso con la droga in via Emilia.
Il controllo e l’arresto della Polizia è scattato ieri pomeriggio, 25 novembre, quando l’uomo è stato notato nelle vicinanze di un compro oro. Stava parlando al telefono quando si è accorto dello sguardo degli operatori. La sua reazione è stata di un primo istintivo movimento nervoso, con poi l’avviarsi con passo veloce in direzione opposta alla Volante.

Gli agenti sono subito intervenuti e lo hanno bloccato ed identificato, riconoscendolo come un pluripregicato per reati inerenti gli stupefacenti, in regola con il permesso di soggiorno. I poliziotti hanno anche recuperato un involucro di carta che l’uomo ha fatto cadere dalla tasca mentre cercava di allontanarsi: il sacchettino conteneva 44 dosi termosaldate di sostanza stupefacente che la scientifica accerterà essere eroina per 11 grammi e 2 di cocaina.
La perquisizione è proseguita anche nell’auto dello straniero, parcheggiata nelle vicinanze. Dentro sono state trovate tre bilancine di precisione e altre confezioni termosaldate di una sostanza in polvere di colore bianco per un quantitativo di 74 involucri, contenenti 23 grammi di eroina, ed un sacchetto contenente cocaina in polvere per 20 grammi. E c’era anche un pezzo solido avvolto in cellophane trasparente di eroina per 27,2 grammi. Ancora: in casa del 59enne in via Fiorentina sono state trovati nastri di nylon uguali a quelli usati per il confezionamento delle dosi sequestrate.