Arrestata commercialista viareggina, clienti raggirati per 50mila euro

VIAREGGIO -Ragioniera commercialista di Viareggio agli arresti domiciliari. L’accusa, per la Procura di Prato, è di aver intascato i soldi dei clienti ricevuti per saldare le proprie pendenze tributarie. L’arresto, in flagranza, è scattato ieri per mano della Guardia di Finanza della città della lana all’interno del McDonald’s di Prato dove la donna ha ricevuto dalle vittime assegni per un totale di 52.500 euro.

L’inchiesta, coordinata dal pm Laura Canovai, è iniziata con due provvedimenti della commissione tributaria provinciale di Prato indirizzati agli imprenditori cinesi risultati poi truffati: uno conteneva una sospensione e l’altro un rinvio del ricorso tributario. Entrambi sarebbero stati modificati dalla ragioniera commercialista di Viareggio e trasformati in provvedimenti di conciliazione con richiesta di 50mila e 2.500 euro.

Il legale delle due vittime ha sottoposto i due documenti alla Commissione tributaria provinciale di Prato che ha rilevato che gli atti erano stati “taroccati”. Le Fiamme Gialle, coordinate dalla Procura, hanno quindi deciso di beccare sul fatto la donna e il blitz è avvenuto da McDonald’s, dopo il pagamento. L’udienza per la convalida dell’arresto è stata fissata per lunedi prossimo.