Assalite con bottiglie rotte due ragazze nella notte a Lucca

LUCCA – Due ragazze assalite da alcuni ubriachi con bottiglie rotte, scagliate verso le due giovani, per fortuna solo sfiorate dai cocci e dalle schegge di vetro che avrebbero potuto ferirle gravemente. E’ accaduto sabato notte a Lammari, nel parcheggio del centro commerciale Airone in viale Europa. Le due amiche si erano date appuntamento nei pressi di un locale per bere qualcosa. Nelle vicinanze alcuni uomini, in evidente stato di ebbrezza e di alterazione, le avevano importunate. In un primo momento soltanto a parole, con apprezzamenti poco eleganti. Questi individui stavano anche litigando con gli occupanti di una Ford Fiesta all’esterno, nel piazzale, che ha affiancato la vettura in sosta di una delle donne e poi è fuggita a notevole velocità.

Gli aggressori, pensando che le ragazze fossero insieme a quelli dell’utilitaria fuggita, le hanno aggredite. Per evitare l’agguato, si sono rifugiate sulla vettura di una delle due, una Lancia Y. Terrorizzate, dall’interno dell’abitacolo, sono riuscite a chiamare il 112 per ricevere assistenza, accerchiate da un manipolo di facinorosi che si sono allontanati all’arrivo dei carabinieri. Questi ultimi hanno verificato la situazione e che tutto fosse ritornato alla normalità. I militari dell’Arma, successivamente, accompagnavano una delle due signorine alla sua auto, verificando sulla loro incolumità e che le persone che le minacciavano in precedenza fossero andate via.

Sempre nel Comune di Capannori, carabinieri in azione per riportare la calma in una abitazione dove un uomo, in preda a patologie psichiche, ha aggredito la madre che purtroppo ha anche avuto bisogno di cure mediche. Sul posto, allertata dal 118, anche una ambulanza. Pronto intervento anche nel territorio di Altopascio, dove si è verificata una rissa in un locale, con gli avventori che se le sono dare di santa ragione per i soliti futili motivi. Infine, uno straniero, di origine rumena, trovato incappucciato e con atteggiamento sospetto nei pressi di un ristorante della Piana, è stato identificato: in realtà si accingeva a coprirsi per la notte, dovendo dormire su una panchina. Proseguono le attività di prevenzione da parte delle forze dell’ordine per reprimere la microcriminalità.