Assise sulla Sanità, Mallegni: “Uno show ridicolo”

VERSILIA – Uno show ridicolo. La sfilata dei sindaci della Versilia è tardiva e strumentale. C’era anche Massimo Mallegni nella platea a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, in occasione del consiglio comunale congiunto ad ascoltare il direttore dell’Asl Toscana Nord Ovest, Maria Teresa De Laurentis. Mallegni ha condiviso il documento presentato dal sindacato Fials oggetto del consiglio congiunto. “La Fials ci ha rappresentato un’analisi oggettiva di quella che è la realtà della nostra sanità ed io credo che dovremo ascoltarli perché sono i medici, gli infermieri, gli operatori che vivono la struttura e si interfacciano con i pazienti ogni giorno. Mi dispiace per i cittadini e per gli operatori che hanno dovuto subire l’ennesima presa in giro. – commenta Mallegni capolista al Senato della Repubblica per Forza Italia nel listino uninominale per Lucca e Massa Carrara (Toscana 5) e nel proporzionale per la province di Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato e Firenze (Toscana 1) info su www.massimomallegni.com.

Celebri i blitz di Mallegni al pronto soccorso quando le criticità cominciavano a venire a galla così come la sua battaglia per la chiusura della Società della Salute e per il diritto alle cure. “In conferenza dei sindaci i miei sfoghi al pronto soccorso erano derisi. – racconta – Ora i sindaci, in vista delle elezioni, dimostrano comprensione e volontà di intervenire. Ma dove erano due anni fa quando la nostra sanità iniziava a scricchiolare? Ho trovato sinceramente poco credibile le motivazioni e le invenzioni del direttore generale. Prima se ne va è meglio è per tutti. Se oggi la nostra sanità ha retto il colpo della riforma non è certo per merito della politica ma di medici, infermieri e operatori che hanno raddoppiato l’impegno e gli sforzi per garantire un servizio all’altezza delle aspettative dei nostri cittadini. Questa riforma è sbagliata. Quando lo ammetteranno? Il bilancio della nostra sanità è in grave difficoltà ed è questa la ragione dei tagli e del deterioramento dei servizi”. E sui comitati: “i cittadini fanno bene a protestare. Hanno tutto il mio sostegno così come ce l’avranno i sindacati. Mi metto a disposizione della Fials”.

Si è svolto ieri, a porte aperte, il Consiglio Comunale Congiunto tra tutti i Sindaci della Versilia, a Forte dei Marmi, presso Villa Bertelli, messa a disposizione dal Sindaco Bruno Murzi, per l’occasione, ma che si è rivelata fin troppo piccola ad ospitare tutti gli intervenuti, molti dei quali hanno dovuto assistere restando in piedi.

Presenti i Sindaci dei Comuni di Forte dei Marmi, Seravezza, Stazzema, Massarosa e Camaiore, i Gruppi Consiliari, i rappresentanti dei Comitati cittadini, Comitato Sanità Pubblica Versilia, Comitato Sanità Versilia Storica e Comitato Assemblea 29 Giugno e le Sigle Sindacali Fials, Cigl, Uil, NurSind . Assenti il Sindaco di Viareggio, Giorgio del Ghingaro, aspramente criticato dai Comitati Cittadini, e il Commissario Straordinario del Comune di Pietrasanta. I Consiglieri di opposizione dell’Amministrazione Comunale di Viareggio, invece, hanno deciso di prendere parte al Consiglio, facendo il loro intervento e sottolineando il disappunto per la condotta del Sindaco Giorgio Del Ghingaro. A rappresentare la Direzione Aziendale, la Dott.ssa Maria Teresa de Lauretis, Direttore Generale dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest. Non è certo passata inosservata l’assenza dell’Assessora alla Sanità, Stefania Saccardi, più volte invitata a partecipare, quasi come se il richiamo dei cittadini e della politica locale fosse qualcosa da poter ignorare. La prima a prendere la parola è stata Vanessa Greco, esponente di Patto Civico insieme ad Andrea Giorgi, e portavoce del Comitato Intercomunale che si occupa di Sanità. L’unico Sindacato a presentare un documento scritto, all’Assise Congiunta, è stato Fials, con Daniele Soddu, che in maniera molto dettagliata, e senza tanti giri di parole, ha ribadito le criticità della Sanità, in questo momento, invitando i Sindaci e i Gruppi Consiliari a prendere un impegno formale, sottoscrivendo il suddetto documento, di concerto con l’Azienda Usl Toscana Nord Ovest, nella persona del Direttore Generale, che verrà poi presentato in Regione. Naturalmente ciò è stato possibile perché l’Assise del Consiglio Comunale Congiunto, aperto ai cittadini, è l’unica sede che rende possibile trattare un argomento di fondamentale importanza, come quello della Sanità, d’innanzi a tutte le forze politiche, di maggioranza e opposizione, e di fronte a coloro che poi, di quelle scelte, sono i diretti destinatari. I punti salienti del documento presentato da Daniele Soddu  riguardano  il mantenimento di tutti i servizi ad oggi presenti presso l’Ospedale Versilia, ripotenziamento di alcune specialità, aumento dei posti letto e del personale; per quanto riguarda le Case della Salute, invece, ripotenziamento di tutte le attività necessarie alla popolazione, anche dal punto di vista amministrativo, aumento delle attività infermieristiche domiciliari e inversione della tendenza di far gestire la Sanità al privato, eliminare le forme di lavoro precario in ambito sanitario le quali, pur se previste dalla legge, sono poco funzionali in ambito sanitario. Molto preparati, diretti e capillari i rappresentanti dei Comitati che hanno esposto le ragioni dell’agitazione cittadina sfociata, appunto, nella richiesta di un confronto aperto tra esponenti politici, Direzione Aziendale, operatori del settore e, ovviamente, i cittadini.

A Seravezza, da pochi giorni, è stato tolto un altro ambulatorio, quello di ginecologia, mentre di cardiologia non si hanno più notizie certe, poi, sfogliando i quotidiani leggiamo, invece, che l’intenzione dell’Assessora Stefania Saccardi è quella di potenziare distretti e struttura Ospedaliera, lasciando in questo modo i cittadini disorientati e non facendo altro che alimentare il malcontento. E’ stata poi la volta dei Sindaci che hanno ribadito la loro disponibilità al confronto con i cittadini, che possa anche concretizzarsi in un organismo stabile e duraturo, disponibilità che però, come richiesto da Sindacati e Comitati cittadini, non dovrà fermarsi alle promesse ma tradursi in atti concreti e soprattutto essere gestito nelle sede più opportuna, in grado di garantire la massima espressione della democrazia e del dibattito politico.

Il Direttore Generale, Maria Teresa de Lauretis, respinge, di nuovo, ogni istanza esposta da Comitati e Sindacati, fa presente che le risorse di cui dispongono, quando ci sono, non servono solo a pagare gli stipendi ai dirigenti ma, ad esempio, sono utilizzate per la ricerca di nuovi farmaci, sottolinea, inoltre, che non ci sono più nella nostra Usl buchi di bilancio ma non appena affronta il discorso dei posti letto, affermando che non sono mai stati diminuiti presso l’Ospedale Versilia, in segno di protesta, molti operatori del settore si sono alzati lasciando la sala. Si è reso necessario anche l’intervento del Sindaco Bruno Murzi, il quale ha dovuto calmare gli animi per consentire alla dott.ssa De Lauretis di terminare, dato che è stata contestata più volte, durante l’esposizione. In platea molti volti noti del panorama politico, sia locale che regionale.

Potere al Popolo ritiene importante il dibatto che si sta’ sviluppando intorno alla Sanità in Versilia: “A fronte di una crescente privatizzazione dei servizi pubblici , constatiamo come anche la Sanità , non ne sia esente.
Gli innumerevoli disagi dovuti ad un cattivo governo della sanità , le carenze croniche di posti letto, le liste di attesa infinite , i servizi ridotti con pazienti costretti a peregrinare da un Ospedale all’altro , per poter effettuare anche esami semplici come prelievi ematici o risonanze e tac , sono la realtà dei fatti. Il consiglio Comunale Congiunto di ieri 01/02/2018 svoltosi a Forte dei marmi presso Villa Bertelli, ha visto la partecipazione di molti cittadini , Comitati civici , e Sindacati, a dimostrazione di come Vi sia interesse su questo tema che sta’ a cuore a tutti noi. Il tema centrale cosi’ come illustrato nei vari interventi è il mantenimento del Servizio Sanitario Pubblico , messo ancora di piu’ a repentaglio da logiche di mercato, che interessano non poco anche questo settore . La Regione Toscana con gli ultimi interventi normativi ha sancito questa rotta, basti pensare al famoso art. 32 della Legge n. 84/2015 che prevede “ CHE SI POSSANO EFFETTUARE SPERIMENTAZIONI GESTIONALI CON PRIVATI “ proprio in un settore cosi’ delicato come la SALUTE PUBBLICA . Siamo di fatto vicini a tutti quegli operatori, Medici , Infermieri Operatori socio sanitari, Operai , Fisioterapisti , assistenti sociali ecc…. che ogni giorno sono vicino alle persone che soffrono e necessitano di assistenza .Ogni professionalità opera per il raggiungimento di un obiettivo e cioè garantire l’assistenza adeguata ai nostri concittadini. La campagna elettorale incombe e la strumentalizzazione anche non vorremmo che chi oggi era presente nel consiglio Comunale Congiunto e agita lo spettro della Privatizzazione domani politicamente ne sia parte attiva . Potere al Popolo si schiererà sempre in difesa dei lavoratori sfruttati e della Sanità Pubblica in ogni sede per tutelare un DIRITTO SANCITO DALL’ART. 32 DELLA NOSTRA CARTA COSTITUZIONALE” .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: