Baldini, capogruppo Lega:”Perché il comune nega il patrocinio al libro di Antonella Serafini?”

VIAREGGIO- In questi giorni sono venuto a conoscenza del fatto che la Dott.ssa Antonella Serafini  aveva avanzato al Comune di Viareggio, nella persona del Sindaco Giorgio Del Ghingaro, richiesta di patrocinio riguardo una pubblicazione dal titolo: “UN’IDEA DI CITTA’. La costruzione di Viareggio fra le due guerre”, avente ad oggetto la rielaborazione della tesi di Dottorato di Ricerca in storia dell’architettura e della città, dalla medesima conseguito presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze nel marzo 2018.” Così interviene il Capogruppo della Lega Massimiliano Baldini.”

L’argomento trattato è la trasformazione di un pittoresco centro balneare in una moderna città turistica; la realizzazione di un progetto che, avviatosi alla fine dell’Ottocento, giunge a compimento negli anni Venti e Trenta del Novecento seguendo i cambiamenti della società in un periodo di complesse evoluzioni di cui l’urbanistica è uno dei segni rappresentativi.

“Questa mattina – aggiunge Massimiliano Baldini – ho altresì appreso, con documento a firma del Segretario Comunale Dott. Fabrizio Petruzzi, che l’Amministrazione Comunale del Comune di Viareggio, a seguito della presentazione della delibera nella Giunta Comunale del 17.04.2019, ha ritenuto di non dar corso al patrocinio richiesto per la pubblicazione del libro. Sono rimasto decisamente colpito da questa decisione che non sembra avere alcuna motivazione apparentemente giustificabile.
La pubblicazione infatti è decisamente interessante, riguarda la nostra città, ha un evidente valore scientifico essendo frutto di un Dottorato di Ricerca presso l’Ateneo di Firenze e mi risulta aver ricevuto il Patrocinio della stessa Università di Firenze, il Patrocinio della Provincia di Lucca ed il contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca.”

” Per questi motivi – conclude il Capogruppo della Lega – nei prossimi giorni avanzerò espressa interrogazione al Sindaco Giorgio Del Ghingaro ed agli Assessori all’Urbanistica ed alla Cultura, per conoscere le motivazioni che hanno spinto il Comune di Viareggio a rifiutare la concessione del patrocinio a questo lavoro che ritengo invece oggettivamente molto interessante per l’intera comunità viareggina ed utile ad un confronto sulle storia della nostra città.”