Bambino allergico alle fave, il Sindaco vieta la coltivazione

SESTO FIORENTINO – C’è un bambino che soffre di un’allergia alle fave, così il sindaco di Sesto Fiorentino, città della cintura fiorentina, vieta con un’ordinanza di coltivare i baccelli nell’arco di 300 metri dall’abitazione del piccolo. Il sindaco Lorenzo Falchi, ha firmato infatti il provvedimento con il divieto di coltivazione di Vicia fabe (cioè fave) in un’area che dista circa 300 metri dall’abitazione del piccolo: “i proprietari dei terreni che ricadono nell’area specificata e che avessero già provveduto alla semina, eliminino del tutto i tipi di coltura della specie vegetale in questione, entro sette giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza”.

Il bambino soffre di una carenza congenita di un enzima, il glucosio-6-fosfato deidrogenasi che in condizioni normali è presente nei globuli rossi. Le persone che soffrono di questa carenza hanno crisi scatenate dall’assunzione di fave fresche o secche o anche dall’inalazione dei loro vapori. Proprio per queste difficoltà la madre del bambino che abita in una zona di campagna del Comune di Sesto Fiorentino in autunno aveva inoltrato al Comune la richiesta di un provvedimento che tutelasse il figlio portando una documentazione e certificati medici. L’istanza in un primo tempo non era stata accolta perché la Usl si era espressa sostenendo non ci fossero sufficienti motivi per poter disporre un divieto di coltivazione di questo legume. Ma in successivi incontri fra il sindaco e la mamma del piccolo e in seguito ai primi sintomi di sofferenza del bimbo, Falchi ha deciso per l’ordinanza.