poche ore prima, sempre nel cuore del Cep, con una signora che aveva chiamato impaurita il 113, raccontando che un magrebino stava urlando sotto la sua finestra chiedendo ad un fantomatico ‘zio’ di poter entrare in casa a dormire.