Bando e punteggio per la casa in via Ponchielli: “Solo fango, è tutto agli atti”

1

VIAREGGIO – “Vediamo di fare chiarezza”. E’ lo stesso Luigi Troiso, consigliere comunale di Viareggio a parlare dopo la vicenda della casa in affitto calmierato assegnata dopo un regolare bando ( LEGGI ANCHE: Casa in affitto calmierato al consigliere Troiso, scoppia la polemica: “Domanda e graduatoria quando c’era il Commissario Stelo”  )

“La compagna del sottoscritto ha presentato domanda per l’assegnazione di un alloggio a canone convenzionato il giorno 30 settembre 2016. Il procedimento amministrativo, disciplinato in larga parte dal regolamento approvato con delibera c.c. 23/2010, proseguiva, poi, nel proprio iter istruttorio, fino alla pubblicazione, in data 15 novembre 2016, della graduatoria provvisoria, che, salvo successive variazioni, designava l’esito della selezione”, scrive su FB rispondendo ai cittadini:

“Da questa semplice osservazione delle date, che, in quanto consacrate in provvedimenti amministrativi debitamente protocollati, sono certe e pubbliche, è dato, a quivis de populo, dedurre quanto segue: sia al momento della presentazione della domanda di sussidio pubblico che al momento dell’assegnazione del beneficio richiesto, il sottoscritto non ricopriva l’ufficio di consigliere comunale, essendo tutti gli organi istituzionali dell’ente commissariati a seguito della sentenza con cui il Tar Toscana aveva annullato le consultazioni elettorali.  Aldilà delle date, il percorso che abbiamo fatto come cittadini è stato chiaro e trasparente. Al pari degli altri partecipanti abbiamo presentato i documenti richiesti ed il punteggio ottenuto non è stato in nessun modo condizionato o favorito da niente e da nessuno. Questa vicenda, nota da mesi e che tutti sapevano o potevano sapere, non ha quindi nessun legame con le mie ultime scelte e con la decisione di rientrare in maggioranza. Come mai esce all’indomani del mio ingresso in maggioranza? È evidente, infine, che la vicenda possa generare incomprensioni e strumentalizzazioni sulla mia persona e verso il ruolo politico che è sempre stato limpido, onesto è corretto. La macchina del fango si è messa in moto. Sempre a vostra disposizione”

1 comment

  1. Giuseppe De Stefano consigliere comunale del Gruppo Misto 4 Giugno, 2017 at 20:37

    Nella vicenda del consigliere Troiso e compagna assegnatari di un alloggio a prezzo calmierato in Via Ponchielli un elemento è incontrovertibile: un consigliere comunale è o non è titolare degli stessi obblighi e diritti di un comune cittadino? Per De Stefano la risposta è si ne ha diritto. L’emergenza abitativa a Viareggio ha connotati allarmanti che il Del Ghingaro ha la colpa di non esserne occupato come dovuto, specie dopo la protesta del consigliere De Stefano che il 19 novembre 2015 occupò il palazzo comunale. Se come sindaco si fosse adoperato per conservare al patrimonio comunale i circa 100 alloggi che vanno a breve all’asta il caso dell’amico Troiso non sarebbe sorto e dell’alloggio in cui andrà ad abitare sarebbe passato in cavalleria. Il consigliere del gruppo misto Giuseppe De Stefano

Post a new comment