Barca a vela disalberata e spiaggiata alla Lecciona, si era disancorata a Nizza

0

MARINA DI TORRE DEL LAGO – Una segnalazione giunta tramite il numero blu 1530 ha fatto scattare l’allarme nella Sala Operativa della Capitaneria viareggina: dalla spiaggia di Torre del Lago una persona aveva avvistato una barca a vela in balia del mare in burrasca, disalberata e parzialmente capovolta. Scattate immediatamente le operazioni di ricerca e soccorso agli eventuali naufraghi tramite sia la motovedetta CP813 che il gommone A78, prontamente inviati sul posto, le forti onde di libeccio portavano la barca a spiaggiarsi sulla costa della Lecciona. Mentre le motovedette operavano la ricerca di eventuali naufraghi, da terra il personale inviato dalla Capitaneria riusciva a raggiungere la barca, inclinata su un lato, e ad aprirne la tuga che risultava chiusa con un lucchetto. Dai documenti rinvenuti all’interno, si riusciva a risalire al proprietario, un francese di 50 anni residente a Nizza, che dopo intense ricerche operate sia tramite le autorità consolari che tramite i social network, veniva rintracciato dagli uomini del Comandante Calvelli e, dalle sue dichiarazioni, si veniva a scoprire che, presumibilmente, la barca si era disancorata dal Villefrenche sur Mer, nei pressi di Nizza, circa dieci giorni fa, costringendolo a presentare apposita denuncia di smarrimento presso le autorità di polizia francesi. Per quanto possa sembrare strano che l’imbarcazione sia andata alla deriva dalla Francia fino a giungere sulle coste di Viareggio, alcuni elementi rinvenuti a bordo dell’unità hanno ragionevolmente lasciato ritenere che tale deduzione fosse verosimile. Le ricerche, peraltro, condotte dalle unità navali impiegate per altre due ore al largo della costa tra Torre del Lago e Viareggio, non davano alcun risultato. Al proprietario dell’imbarcazione si provvederà, nei prossimi giorni, a notificare sia l’avviso di ritrovamento che l’invito a voler provvedere alla rimozione dell’unità spiaggiata.

No comments