Banksy a Firenze: immagini e curiosità dell’artista misterioso

Un’arte immediata, un immaginario semplice ma mai banale che affronta i temi del capitalismo, della guerra e del controllo sociale, mettendo in scena le contraddizioni e i paradossi del nostro tempo Dal 19 ottobre 2018 al 24 febbraio 2019 il Palazzo Medici Riccardi ospiterà la mostra BANKSY This is not a photo opportunity, a cura di Gianluca Marziani e Stefano S. Antonelli, promossa e prodotta da MetaMorfosi Associazione Culturale, con il patrocinio di Firenze Città Metropolitana e il sostegno della Regione Toscana e la collaborazione di Mus.e.

Il nucleo di messaggi proposti da Banksy è perfetto per tempi e modi di produzione, confezionato per la comunicazione di massa: i suoi graffiti sono un chiaro riferimento ai grandi temi dell’attualità dal cambiamento climatico, ai flussi migratori, alle disparità sociali, ai colossali paradossi della nostra epoca.

La mostra di Firenze nasce da una rigorosa selezione con le migliori 20 immagini finora prodotte, quelle che hanno decretato il successo planetario di un artista tra i più complessi, geniali e intuitivi del nostro tempo: una tra le più famose èBalloon Girl, la bambina col palloncino rosso che ormai tutti conoscono

Originario di Bristol, Banksy è lo street artist più misterioso e provocatorio, il più grande caso di popolarità per un artista vivente dai tempi di Andy Warhol. Rappresenta per molti grandi nomi dell’arte, la miglior evoluzione della Pop Art originaria, l’unico che ha fuso assieme la moltiplicazione seriale, la cultura hip hop, il graffitismo anni Ottanta e gli approcci del tempo digitale.

La mostra a Palazzo Medici Riccardi è corredata da informazioni sulla cronologia dell’artista, ampio materiale fotografico, poster originali delle sue mostre e una selezione di video.
Banksy. Nessuno lo ha mai visto, né conoscono il suo viso, eppure BANKSY esiste. Le sue opere rimbombano in maniera dirompente di inaudita potenza etica, evocativa e mediatica.