Bergamini (FI): “Lo sfogo disperato di Beppe Grillo è deplorevole e triste…”

“Lo sfogo disperato del padre Beppe Grillo che prova a giustificare una denunciata violenza da parte del figlio e’ quanto di più deplorevole e triste abbia potuto fare il garante dei 5 Stelle.”

“Negli anni, sia lui sia il movimento a cui ha dato vita hanno tentato di istruirci ad esprimere giudizi e sentenze prima ancora che i processi venissero celebrati. Hanno conferito erga omnes etichette di comprovata colpevolezza senza mai attendere che le sentenze fossero passate in giudicato, come previsto dal nostro ordinamento.
Essendo garantisti, non appuntiamo alcuna lettera scarlatta, ma vogliamo stigmatizzare le parole espresse nei confronti della ragazza che ha denunciato la violenza.
Non si può e non si deve giudicare una persona perché ha avuto il coraggio di rendere pubblico il suo dolore, solo per difendere come genitore comportamenti che saranno oggetto di valutazioni spettanti esclusivamente alla magistratura.
Qui c’è poco da divertisi. Grillo proverà la sua sofferenza nel vedere il figlio sbattuto su tutti i giornali ma non può
erigersi a giudice di una giovane donna angosciata e ferita. Né tantomeno inveire contro gli inquirenti.
Mi auguro che questa vicenda, nella sua drammaticità, possa essere occasione di profonda riflessione per tutto il Movimento rispetto ai tanti presunti colpevoli che in questi anni sono stati messi alla gogna senza alcun ritegno”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: