Bestemmia in consiglio comunale, la Lega chiede le dimissioni

Riceviamo e pubblichiamo di seguito comunicato stampa della Lega di Viareggio, relativo ai fatti verificatisi durante il Consiglio Comunale di lunedì 4 febbraio.

“L’art. 10 del Regolamento compiti e poteri del Presidente del Consiglio recita al comma 1: Il Presidente rappresenta l’intero Consiglio Comunale, ne tutela la dignità del ruolo e assicura l’esercizio delle funzioni allo stesso attribuite dalla Legge e dallo Statuto. Durante lo svolgimento del CONSIGLIO COMUNALE del 4 FEBBRAIO, il Presidente del Consiglio, Avv. Paola Gifuni, nell’espletamento formale del suo mandato ha tenuto un atteggiamento gravemente
irrispettoso della sede istituzionale pronunciando una bestemmia, udibile a tutti e registrata al microfono della diretta streaming, e così verbalizzata in sede di Consiglio. Il Gruppo Consiliare della Lega, formato dai Consiglieri Pacchini, Baldini e Trinchese, ritiene estremamente riprovevole quanto la seconda carica istituzionale della Città abbia espresso, come ormai ben noto. La mancanza di decoro e rispetto nei confronti dell’intero Consiglio Comunale, dei credenti e della cittadinanza tutta, dovrebbe essere in primis stigmatizzata dal suo rappresentante, ovvero il primo cittadino, il Sindaco Giorgio Del Ghingaro, che oltre a concordare con la stessa Presidente del
Consiglio l’annullamento del Consiglio Comunale odierno, avrebbe, a nostro avviso,dovuto chiederne le dimissioni, che pertanto il Gruppo Consiliare della Lega chiede, riservandoci, insieme alle altre forze di minoranza, in ipotesi la Presidente non sia disponibile a fare un passo indietro,l’avvio della procedura di sfiducia”.