Bevande da asporto, a Camaiore scatta l’ordinanza

0

CAMAIORE – Il sindaco Del Dotto ha firmato nei giorni scorsi un’ordinanza contingibile e urgente a disciplina del consumo per asporto di bevande e alimenti in contenitori di vetro, alluminio e simili. Il provvedimento è attivo dal 22 dicembre scorso e riguarda: la fascia oraria compresa dalle ore 21.00 alle ore 06.00; gli orari in cui si tengono manifestazioni fieristiche; in occasione di manifestazioni di pubblico trattenimento, fiere ed eventi simili.

L’ordinanza prevede il divieto di vendita per asporto di alimenti e bevande in bottiglie di vetro, lattine e simili da parte dei titolari e degli esercenti di esercizi di alimenti e bevande, laboratori artigianali, pub, discoteche e simili. La somministrazione di bevande deve avvenire in appositi contenitori di plastica, carta e affini.

Conseguentemente è previsto l’assoluto divieto di procedere al consumo all’aperto di bevande e di alimenti in contenitori di vetro, alluminio e simili e di abbandonare i contenitori al fine di evitare di pregiudicare il decoro urbano. I titolari potranno servire bevande in vetro, alluminio e simili all’interno dei locali e nell’ambito delle relative pertinenze autorizzate come resede, solo compatibilmente con la disponibilità dei tavoli e mai per asporto.

Il provvedimento è esteso anche ai titolari delle attività per il commercio su aree pubbliche (come in occasione di fiere e mercatini) che dovranno somministrare gli alimenti o le bevande in contenitori di plastica o simile. Gli organizzatori hanno l’obbligo di dare pubblicità agli esercenti del provvedimento.

La violazione delle norme previste è punita con l’applicazione di una sanzione amministrativa da 25 euro a 500 euro.

Si rammenta inoltre che i titolari e gli esercenti sono tenuti a installare in accordo con il gestore della raccolta dei rifiuti appositi contenitori per i rifiuti e a provvedere la costante pulizia delle aree circostanti la propria attività.

L’ordinanza sarà in vigore fino al 31 dicembre 2018 con riserva di proroga qualora ne ricorrano i presupposti.

No comments