Brucia viva la ex, perizia psichiatrica per dimostrare l’infermità mentale di Pasquale Russo

0

LUCCA – ( di Letizia Tassinari ) – Interrogatorio davanti al gip Giuseppe Pezzuti e udienza di convalida del fermo domani per Pasquale Russo, l’ex che due giorni fa ha ucciso Vania Vammucchi cospargendola di benzina. L’uomo, che è in cella, al carcere di San Giorgio, assistito dal suo legale di fiducia, l’avvocato Gian Felice Cesaretti del Foro di Lucca, continua a negare di aver dato fuoco alla donna. La difesa intanto si appresta, viste le prove di colpevolezza raccolte dalla Squadra Mobile diretta dalla dottoressa Silvia Cascino, a dimostrare la tesi della infermità mentale di Russo al momento dei fatti. L’uomo, in base a documentazione sanitaria già nella mani sia del pubblico ministero Capizzoto che del Gip, era in cura psichiatrica dallo scorso giugno scorso. Tra le richieste del legale l’incidente probatorio per fermare, nero su bianco, lo stato mentale di Pasquale Russo al momento del gesto che lo ha visto versare sul corpo della vittima un’intera tanica di benzina.

No comments