Capannori, Triggiani e Petrini (FDI) replicano all’intervento del sindaco Menesini

Elisabetta Triggiani e Matteo Petrini di Fratelli d’Italia replicano al sindaco Menesini: “Abbiamo letto con stupore e, più che altro, con dispiacere la risentita replica del Sindaco Luca Menesini rispetto al nostro articolo uscito nei giorni scorsi e relativo alla nostra domanda sulle motivazioni che hanno portato la sua giunta ad approvare la delibera per la nomina di un nuovo responsabile del procedimento che si occupi dell’esecuzione della ormai “vecchia” sentenza della Corte dei Conti del 2012 confermata nel 2016.

Lo stupore nasce dal fatto che nessun nome era stato fatto (figuriamoci di attuali assessori che in effetti sono completamente estranei ai fatti) e dal fatto che l’articolo era posto in maniera interrogativa – spiegano – e quindi solamente volto ad avere risposte e chiarimenti che sono giunti proprio dal sindaco. Il primo cittadino e ha infatti ammesso che qualcuno, per i fatti risalenti all’amministrazione 2004-2009, a distanza di 5 anni dalla sentenza definitiva ancora non ha interamente pagato quanto dovuto alle casse comunali”.
“Il Sindaco chiarisce anche – proseguono Petrini e Triggiani –  che lui e tutti gli altri che all’epoca furono coinvolti (ad eccezione, come detto, di uno solo) hanno provveduto da tempo a versare l’importo liquidato e di questo ne abbiamo piacere e gliene diamo atto, avendo dimostrato di avere adempiuto ad un provvedimento esecutivo con senso di responsabilità e senso del dovere. Il Sindaco minaccia poi azioni legali ma, sinceramente, siamo noi ad essere amareggiati dalle sue parole, visto che pare abbia voluto leggere nell’articolo ciò che non c’è scritto, ovvero il fatto che avremmo accusato la giunta attuale – ribadiamo, infatti, che gli assessori da lui nominati a seguito delle elezioni del 2019 sono totalmente estranei ai fatti oggetto delle sentenze richiamate nell’articolo. Ricordiamo, infatti, che l’attuale giunta ha iniziato a svolgere le sue funzioni nel 2019 e quindi per ovvie ragioni non può essere responsabile di fatti avvenuti fra il 2004 ed il 2009 e definitivamente accertati nel 2016″.
Ci dispiace – concludono i due esponenti di FDI –  che il primo cittadino utilizzi parole che possano indurre il lettore a credere che l’articolo accusava la giunta oggi in carica, visto che ciò non è scritto da nessuna parte ed anzi viene esplicitamente fatto riferimento a sentenze emanate molto prima del 2019. Ci dispiace anche che il Sindaco si chieda perchè ” i due esponenti di Fratelli di Italia” abbiano preso visione della delibera di Giunta n. 181/2020 visto che sa bene che  è pubblicata sull’albo pretorio del comune e, quindi, consultabile da tutti. Comunque sia lo ringraziamo per aver risposto, per avere chiarito alla cittadinanza che quasi la totalità degli allora amministratori hanno eseguito la sentenza e ci auguriamo che, anche se si tratta di una differenza da versare di solo “qualche centinaio di euro”, arrivi presto nelle casse del comune, concludono.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: