Carabinieri indagati per stupro: “Non faremo sconti, non esiste un rapporto consenziente in una simile situazione”

0

ROMA – Linea dura, e massima severità nei confronti dei due Carabinieri accusati di aver stuprato le due ragazze americane, una di 19 anni e l’altra di 21. E questo a prescindere da come finirà l’indagine della Procura di Firenze. Dopo la sospensione di ieri, notificata a entrambi, e dopo la confesssione di uno dei due militari, quello 40enne, sposato e con figli, di aver avuto un rapporto sesssuale, a suo dire consenziente, durante il quale avrebbe anche affermato di non esseri accorto che la ragazza era ubriaca, sembra scontato che vengano congedati. Cacciati, quindi, perchè “Non si può consentire che chi indossa la divisa approfitti di una ragazza”, e questo al di là che si dimostro che non ci sia stata violenza. “Non faremo sconti, non esiste un rapporto consenziente in una simile situazione. I due militari erano in turno e dunque non avrebbero dovuto fare nulla di quanto invece è accaduto. Soltanto in casi eccezionali un cittadino può salire sulla macchina di servizio e sempre per essere soccorso. Appare evidente che le intenzioni fossero altre e per questo pagheranno”, questo il commento del colonnello Roberto Riccardi, responsabile della comunicazione del comando generale da Roma”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: