Carnevale, bilancio, dimissioni e commissariamento, la parola a Pasquinucci

0

VIAREGGIO – Carnevale, bilancio, dimissioni e commissariamento, a distanza ormai di settimane dal suo adieu ( leggi anche Carnevale, il CdA si dimette in blocco e attacca Betti   ) parla Stefano Pasquinucci: “Il 3 settembre scorso, in qualità di Presidente e componenti del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Carnevale di Viareggio, “nostro malgrado” rimettevamo il mandato nelle mani del Sindaco.
Lo facemmo per coerenza, trasparenza, serietà e senso di responsabilità nei confronti di noi stessi e del Carnevale. Lo facemmo per non essere di intralcio alla responsabilità del Sindaco di nominare, alla luce del nuovo Statuto, persone in maggiore “sintonia” con il Primo Cittadino e lo facemmo, anche, perchè alcuni carristi, per motivi ancora oggi poco chiari, ritenevano più utile ed opportuno cambiare Presidente ed azzerare gli altri incarichi.
Una decisione sofferta, ma sostenuta dalla consapevolezza di avere ottenuto grandissimi risultati, resi possibili grazie al contributo che ci era stato offerto dalla struttura Fondazione, dai collaboratori, dai costruttori, dalle categorie, dalle associazioni, dai volontari, dalle istituzioni e dalle tantissime persone che avevano creduto nel nostro progetto.
Lasciavamo un bilancio in attivo, sano, reale e trasparente. Lasciavamo un lungo elenco di contatti, proposte, idee, collaborazioni ed opportunità per l’edizione 2015 e, soprattutto, indicavamo un ambizioso percorso triennale per il quale avevamo avuto già ottimi riscontri in termini di finanziamenti e sostegni economici.
Non avevamo fatto i “conti”, però, con l’impossibilità da parte dell’Amministrazione Comunale di mantenere promesse ed impegni riguardo il contributo di 1.400.000 euro, previsto all’atto del nostro insediamento.
Questo è stato il grande problema che il Presidente Enrico Rossi si è dichiarato disponibile a risolvere in parte.
Questo e non altro. E non certo gli scenari che il Sindaco, in una intervista televisiva, cerca di delineare per giustificare la nomina di un commissario straordinario, un atto gravissimo e delicato che è difficile capire come potrà essere ufficialmente motivato.
Tutto, invece, sarebbe stato più semplice, regolare e veloce se il Sindaco a Dario Fo, Gualtiero Lami e Patrizia Lombardi avesse subito affiancato nuovi componenti che, come io stesso avevo suggerito, potevano comprendere rappresentanti della Regione Toscana e di altre realtà in grado di migliorare, integrare e valorizzare le capacità organizzative e gestionali della Fondazione Carnevale di Viareggio.
Questo il Sindaco non lo ha fatto, non lo ha voluto fare o non lo ha potuto fare. E non mi meraviglio. Ad oggi, infatti, nessuno di noi ha ancora ricevuto una conferma ufficiale ed istituzionale riguardo l’accettazione delle proprie dimissioni”.

“Mi auguro -commenta Fabrizio Galli, presidente di Assocostruttori  riferendosi alla Legge sul Carnevale – che il commissario, i suoi collaboratori, il sindaco, l’assessore delegato alle fondazioni, i parlamentari, il presidente della provincia e il presidente della regione riescano a collaborare, insieme al ministro Franceschini, per dare una risposta unitaria su le azioni da intraprendere e su chi materialmente debba metterle in pratica”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: