Carnevale pietrasantino, domenica 25 febbraio l’ultimo corso: ma c’è l’incognata maltempo

PIETRASANTA – Dopo il bagno di folla del primo corso, sul Carnevale Pietrasantino edizione 2018 è scesa l’incognita maltempo. La pioggia ha dato tregua al secondo corso, ma i guai meteorologici non sembrano finire: domenica è infatti previsto l’arrivo di Burian, l’ondata di gelo siberiano che investirà tutto il Paese. Resta da capire quali saranno le conseguenze per il nostro territorio. Nel caso in cui sia prevista pioggia, o addirittura neve, sabato mattina gli uffici comunali e i presidenti di contrada torneranno a riunirsi per decidere. Nella peggiore delle ipotesi, l’avventura carnevalesca potrebbe chiudersi domenica mattina con la lettura dei verdetti in municipio.

Intanto si continua a sperare che domenica sia festa grande con i 12 carri, le 12 mascherate per circa 800 figuranti, le centinaia di persone lungo il circuito. Alle ore 15, sul classico percorso cittadino: Piazza Matteotti, via Provinciale Vallecchia, via San Francesco, via Marconi, sino alle 17.30, sfileranno le contrade. In testa al corteo Miss Carnevale Enola Bresciani, accompagnata dalle tipiche maschere di Sprocco e Scalpellina. I biglietti saranno acquistabili alle biglietterie predisposte sul circuito, costo 6,5€, ingresso gratuito per i bambini con età inferiore a 10 anni e adulti sopra i 70 anni di età.
 
A chi andrà lo scettro? Vediamo nel dettaglio i tempi di carri e mascherate.
 
CARRI| Africa – Macelli presenta “Carnevale sotto il mare”; Antichi Feudi presenta “Il marchingegno dell’allegria”; Brancagliana presenta “La mutazione”; Il Tiglio – La Beca presenta “La Prima-Vera Beca”; La Collina presenta “Paese che vai Carnevale che trovi”; La Corte presenta “Alla corte di Pierrot”; La Lanterna presenta “In un mondo così matto ballano insieme il topo e il gatto”; Marina presenta “Madre natura”; Pollino – Traversagna presenta “Let’s play now”; Pontestrada presenta “Il venditore di illusioni”; Strettoia presenta “Strettoia of Liberty”; Valdicastello presenta “Io me la suono…”.
 
MASCHERATE | Africa – Macelli presenta “Carnevale sotto il mare”; Antichi Feudi presenta “Il marchingegno dell’allegria”; Brancagliana “Officina danzante”; Il Tiglio-La Beca presenta “La Prima-Vera Beca”; La Collina presenta “Dalla sgnappa al mojoto Carnevale garantito”; La Corte presenta “Alla corte di Pierrot”; La Lanterna presenta “Un ballo coi baffi”; Marina presenta “Enno diventate due le stagioni”; Pollino-Traversagna “Let’s have fun now”; Pontestrada presenta “Studio 54”; Strettoia presenta “Strettoia of Liberty”; Valdicastello ” E io me la ballo”.
 
VERDETTI| La giuria tecnica coordinata dal presidente Alessandro Alessandrini ha già giudicato, durante i due corsi, carri e mascherate. Tre giurati per i carri e tre per le mascherate, diversi ogni domenica, decreteranno così i vincitori che saranno proclamati domenica 25 febbraio, subito dopo la chiusura del corso, dal palco di piazza Matteotti.
 
Ricordiamo che lo scorso anno il “Premio Frido Graziani” per il miglior carro fu conquistato dalla contrada La Lanterna con “Per un tesoro assai speciale sfida il drago a Carnevale”, mentre la mascherata migliore fu giudicata quella della contrada Strettoia con “Strexit ? United Kingdom of Strettoia”.
 
ATTENZIONE ai provvedimenti di viabilità alternativa che interesserà il centro storico e il circuito del corso mascherato; possibili disagi di breve durata potrebbero rilevarsi con il trasferimento dei carri il mattino e il pomeriggio da e per i rispettivi hangar situati alla Mattonaia, a Valdicastello e in via Fiumetto.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: