“Case sequestrate al degrado riconsegnate”: in quella abitazione occupata è nato un bimbo, che non ha colpe

VIAREGGIO – Presidio, con la stampa presente, questa mattina in Darsena a fronte della minaccia di sgombero di una casa occupata anni addietro da una famiglia in emergenza abitativa. In quella abitazione è nato un bimbo, spiegano gli attivisti di Unione Inquilini e Brigata Antisfratto, che non ha nessuna colpa, come non ce l’ha la sua famiglia.

Case sequestrate al degrado riconsegnate!” Con questo striscione appeso su di una casa in Darsena messa sotto sequestro e sgomberata, a gennaio, per volere del PM Antonio Mariotti, la Brigata Sociale Antisfratto e l’unione Inquilini hanno voluto manifestare il proprio disappunto contro queste decisioni. In diversi stamani, con tanto di bandiere, hanno volantinato le strade della Darsena”. Scrivono da Unione Inquilini e Brigata Antisfratto: “Una nuova casa sempre in quella zona è a rischio sgombero. Una casa dove vive una famiglia che l’ha recuperata, strappandola al degrado delle chiusure forzate, dal 10 ottobre del 2013 e dove c’è nato pure un bambino. In questa casa stamane l’Unione Inquilini ha tenuto una conferenza stampa dove ha ribadito che il diritto all’abitare è un diritto sancito dalla costituzione e che va rispettato e ha invitato l’assessore al sociale a farsi carico di questa famiglia dopo un eventuale sgombero che purtroppo appare imminente. Basta poco per rendersi conto di come le case vissute siano tenute meglio di quelle murate che diventano alla mercé di tutti. Purtroppo c’è chi continua a fare orecchi da mercante”

Lascia un commento