Caso ultras Pisa, unanime condanna per i tafferugli allo stadio di Empoli

0

PISA – Vicenda Pisa Calcio. Riunito il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Presieduto dal Prefetto Attilio Visconti, si è riunito stamani in Prefettura il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per affrontare le problematiche relative alla situazione del Pisa Calcio, con particolare attenzione alla situazione dei lavori allo stadio “Arena Garibaldi” e agli aspetti di sicurezza pubblica. ha partecipato alla riunione anche una rappresentanza della società Pisa Calcio 1909.
Il Comitato ha espresso unanime condanna degli episodi di violenza verificatesi prima della partita Pisa-Brescia tenutasi ad Empoli, ribadendo che nessuna giustificazione può essere addotta a scusante di episodi di aggressione nei confronti delle Forze dell’Ordine e di scontro con altre tifoserie.
E’ stato fatto appello affinché da parte di tutto l’ambiente calcistico pisano, pur a fronte di una situazione societaria complessa, non venga mai meno il senso di responsabilità e rispetto delle regole, tenuto conto che nessun atteggiamento di illegalità sarà tollerato dalle Forze dell’Ordine.
E’ stata condivisa l’assoluta urgenza e improcrastinabilità di realizzare i lavori di adeguamento dello stadio pisano al fine di garantire le necessarie condizioni di sicurezza per lo svolgimento di un campionato importante quale quello di serie B sia per gli spettatori che per gli operatori di pubblica sicurezza.
Il Sindaco Filippeschi ha manifestato nuovamente la propria disponibilità a concludere in tempi rapidissimi la stipula della convenzione con il Pisa Calcio per l’utilizzo dello stadio e a facilitare l’avvio dei lavori di competenza della società.
In attesa delle decisioni che saranno assunte dall’Osservatorio sulle manifestazioni sportive, il Comitato ribadisce che le Forze dell’Ordine sono, come sempre, in grado di garantire la gestione dell’ordine pubblico, anche nel caso venisse decisa la disputa di partite a porte chiuse nello stadio cittadino.

No comments