Centro massaggi? No, casa per appuntamenti: i Carabinieri trovano preservativi e clienti e mettono i sigilli

– I militari  della locale stazione  sono intervenuti nel tardo pomeriggio di ieri in via Montalbano 390 dove hanno eseguito un accesso ispettivo in un centro massaggi denominato “Tuina peperoncino”  il cui titolare, un 46enne di nazionalità cinese con residenza in provincia di Napoli, è di fatto irreperibile. Il locale era da qualche tempo tenuto sotto stretta osservazione per motivi facilmente intuibili,  che hanno trovato conferma dopo l’accesso di ieri. All’interno i militari hanno trovato due donne di nazionalità cinese,  una 40enne residente a Montemurlo ed una 47enne residente a Prato,  insieme ad un cliente che ha confermato  di avere ricevuto una prestazione sessuale. Nel locale sono state sequestrate numerose confezioni di profilattici, la somma contante di quattrocento euro ritenuta provento del meretricio e due telefoni cellulari utilizzati per contattare i clienti.  L’immobile è stato sottoposto a sequestro preventivo. Il titolare dell’attività è stato  denunciato in stato di irreperibilità per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.