Ciao Bottone, salvato dal ghiaccio e dalla neve l’anziano vecchietto ci ha lasciati per sempre

0

VIAREGGIO – Ti vogliamo ricordare così, dolce Bottone: amato, pulito profumato, la tua breve vita di casa ci lascia un senso di impotenza, solitudine e tristezza, per tutti i tuoi compagni di gabbia di quel terribile canile di Ripabottoni e di tutti i canili invisibili , dal quale lo scorso inverno fosti hanno portato via, tremante, magro e ghiaccio.
A casa di Paola Paltrinieri, a Viareggio, avevi trovato concentrato in pochi mesi, tutto l’affetto che non avevi mai avuto e che solo lei, con la sua dolcezza ,poteva darti. Sarai il ricordo di un brutto inverno, di una corsa con il tempo per salvarvi.

Bottone era arrivato a Viareggio, da un canile sommerso dal ghiaccio e dalla neve. Di lui avevamo scritto su TGregione.it. Due giorni di flebo e anti infiammaotri, dopo la visita all’ambulatorio veterinario dei dottori Ghinassi e Lorenzi, e Bottone –  il canone tremante del video che aveva commosso tutti, anziano e senza denti, tremante al freddo di un canile del Sud Italia rimasto per giorni al gelo, senza cibo e acqua ( LEGGI ANCHE: Tremante nella neve, le immagini del video hanno  ) -, si era ripreso. La febbre era passata. Accudito al calduccio da Paola, una volontaria che lo ha accolto nella sua casa in centro, il 4 zampe si era ripreso, lentamente. I dolori alle zampe, dovuti forse anche alla vecchiaia, lo avevano costretto a rimanere accucciato sul materassone per giorni, ma stava mangiando, e rispondendo alle cure. Buono, dolce come lo zucchero, sembrava che sorridesse, timidamente, quando lo si accarezzava. Chissà se mai, nella sua triste vita, prima, aveva ricevuto tante attenzioni. Poi il vecchietto, che era riuscito in questi mesi a  dimenticare il triste passato, e imparare che al mondo esistono anche persone capaci di amartlo, si è aggravato e per lui, le cui speranze di poterlo curare, e farlo guarire, ormai si erano spente, è stata scelta una morte dolce. Corri felice, adesso, in un prato verde pieno di fiori: noi, non ti dimenticheremo

No comments