Coltivavano droga per gli studenti: un arrestato e una denuncia

PRATO- Una quantità industriale di droga che aveva come destinatari  gli studenti delle scuole superiori. E’ quello che è emerso dopo il blitz condotto dalla squadra mobile in un appartamento al piano terra di un condominio in zona Santa Gonda. Una coltivazione di marijuana con tanto di serre e lampade per scaldare l’ambiente e ricreare un microclima ideale.

Dopo aver ricevuto una soffiata sull’attività di coltivazione nel palazzo in questione, la squadra mobile è intervenuta arrestando un ventiduenne fiorentino che aveva in affitto la casa e un diciottenne pratese, incensurato, che aiutava l’amico .

L’operazione, chiamata «Babypusher» visto che i due soggetti sono giovanissimi, ha riguardato il sequestro di dodici piante di diverse altezze di marijuana, 900 grammi di droga già triturata e pronta per essere venduta, una modesta quantità di hashish, cellulari e mille euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio.

Ad aiutare il ventiduenne nella coltivazione era lo studente pratese, denunciato per gli stessi reati.

Erano state allestite serre con il controllo dell’areazione e temperatura, installate lampade termiche, attrezzatura di essiccazione e tanta altra strumentazione destinata alla produzione di marijuana. Una strumentazione da diverse migliaia di euro. L’ipotesi più accreditata da parte degli investigatori è che la droga potesse essere destinata a un mercato interno o vicino agli ambienti scolastici. Gli agenti dell’Antidroga hanno sequestrato l’intero appartamento e hanno arrestato il ventiduenne fiorentino per coltivazione e spaccio di sostanze stupefacenti.