Contrasto ai furti, arrestati tre ladri

LUCCA – Nella nottata appena trascorsa la Polizia di Stato di Pisa ha tratto in arresto un cittadino italiano e due rumeni per i reati di furto in abitazione.

Gli uomini della Squadra Volante, diretti dal Commissario Capo Fabrizio Valerio Nocita, hanno svolto nel corso della notte appena trascorsa mirati servizi di prevenzione e contrasto al fenomeno dei furti in appartamento, nelle zone dei quartieri della Stazione, Porta a Mare, San Giusto e Putignano, che hanno portato alla cattura di un latitante rumeno, dedito alla commissione di furti e rapine e di due cittadini italiani, anche loro con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio.

Intorno alle ore 2 della notte appena trascorsa, i poliziotti delle Volanti hanno intercettato un gruppo di 3 persone che, con fare sospetto, si aggirava per le strade di piazza Sant’ Antonio e via Nino Bixio.

Alla vista dei lampeggianti uno dei tre uomini si è lanciato in una fuga rocambolesca a piedi in direzione del terminal degli autobus. Per sfuggire alla Volante, il giovane si è infilato sotto una vettura parcheggiata all’interno del terminal, ma la manovra non è sfuggita all’occhio di un giovane agente che, insieme al collega, lo ha scovato e tirato fuori dal precario nascondiglio.

A seguito di controllo mediante foto segnalamento, l’uomo è stato identificato C. A. A. rumeno, classe 87,  ed è risultato ricercato per una pena di sei mesi da espiare a seguito di una condanna per furto risalente al 2012. Dopo la condanna, quattro anni fa, l’uomo si era reso irreperibile in Italia ed era tornato in Romania, facendo rientro qualche giorno fa nel nostro nel Paese.

Lo straniero è stato tradotto presso la locale casa circondariale Don Bosco.

Sempre alle prime luci dell’alba, gli uomini delle Volanti, mentre svolgevano un’attività di pattugliamento intorno alla zona residenziale di Porta a Mare hanno avvistato due giovani, che con fare alquanto sospetto, si aggiravano tra i cancelli di alcune villette. E’ iniziata a quel punto un’attività di appostamento, volta a verificare le reali intenzioni dei due ragazzi.

I giovani, dopo qualche minuto di attesa, hanno scavalcato la recinzione di una villa, per poi infilarsi all’interno del garage della stessa, ed uscire qualche minuto dopo, con una costosa bicicletta da corsa ed un trapano.

Mentre si stavano per allontanare dal luogo del delitto i giovani, il primo L.M., italiano appena maggiorenne  ed il secondo, F.D. rumeno ancora sedicenne, sono stati intercettati e tratti in arresto dai poliziotti.

Il minore è stato messo in libertà ed affidato ad una comunità per minori.

Lascia un commento