Controlli della Polizia a Pisa e denunce a raffica

PISA – Nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura per il controllo del territorio del comune di Pisa sono state denunciate cinque persone quattro delle quali per reati contro il patrimonio.

Una giovane del 1995 G.R.,  residente nel comune di Cascina, di fatto senza una fissa dimora,  già colpita da provvedimento del Questore di Pisa  di divieto di ritorno nel Comune di Pisa, per anni tre, è stata rintracciata nel centro cittadino e visto il provvedimento a suo carico è stata denunciata per violazione dello stesso ed allontanata dalla città.

 

Un cittadino moldavo D.R, del 1995, è stato denunciato all’ A’ Autorità Giudiziaria per furto aggravato su autovettura.

Il furto era avvenuto in via Mazzini e l’azione delittuosa era stata ripresa da alcune telecamere dei sistemi di videosorveglianza cittadina. Gli agenti delle volanti attraverso la visione dei filmati riconoscevano l’autore del furto in un pregiudicato per reati contro il patrimonio.

 

Ruba alla sua benefattrice.

Un uomo di nazionalità rumena suona alla porta di una sua conoscente. Poi a ragione della sua indigenza chiede alla stessa dei soldi. La donna gli consegna 10 euro poi va in cucina a preparare da mangiare. L’uomo ne approfitta e si impossessa del portafoglio contenente alcune centinaia di euro e si allontana.

La vittima lo chiama al cellulare, l’uomo ammette il furto dicendo che aveva bisogno di soldi per cercare lavoro.

La donna si reca in Questura e per l’ uomo scatta la denuncia per furto. Dello stesso però, al momento nessuna traccia.

 

 

Due uomini S.F. del 1980 e A.B. del 1989, sono stati denunciati dagli agenti delle volanti per furto aggravato. I poliziotti erano intervenuti per un sopralluogo presso  la ditta List. Group di via Pietrasantina ove erra stato constato il furto di un tablet e di un distributore automatico di caffè.

Attraverso le immagini dei sistemi di videosorveglianza che avevano ripreso gli autori  gli agenti riconoscevano i due malviventi responsabili del furto.

I due ladri erano stati peraltro sottoposti a fermo dalla Polizia lo scorso 13 gennaio per un analogo furto presso la Confesercenti di Pisa in corte Sanac nel quartiere di Porta a Mare.