Controlli a tappeto nel fine settimana: bus con gli studenti bloccato, l’autista aveva l’autorizzazione scaduta

TOSCANA – E’ di 350 veicoli controllati e 382 persone identificate il bilancio dell’operazione realizzata lo scorso fine settimana dalla Polizia Stradale in Toscana sulle principali arterie della regione. Nel dispositivo, volto a prevenire le condotte di guida distratte e a far cadere nel reticolo dei poliziotti i malfattori, sono state impiegate 171 pattuglie, che hanno effettuato 108 interventi di soccorso, contestato 190 multe, ritirato 26 tra libretti e patenti, defalcando 311 punti.

Sabato notte, due equipaggi del Distaccamento di Montepulciano hanno fermato, rispettivamente a Castelnuovo Berardenga e a Poggibonsi, un TIR con targa bulgara e una STILO. Il camion, condotto da un greco di 60 anni, era diretto a Piombino per scaricare pesce surgelato, ma non era a posto con la revisione. Per poter circolare  gli erano stati taroccati i documenti, ma gli agenti se ne sono accorti e hanno denunciato l’autista per falso. Invece sull’auto c’erano un albanese e un italiano, ambedue di 50 anni e pregiudicati. Il loro nervosismo ha convinto i poliziotti a controllare meglio la STILO, da cui sono spuntati fuori un coltello a scatto, un punteruolo e un nunchaku. Alla richiesta di spiegazioni lo straniero, che era alla guida, ha farfugliato qualcosa, dicendo che erano solo dei giocattoli dimenticati dai bambini. La Polstrada non gli ha creduto, denunciandolo per porto ingiustificato di oggetti atti all’offesa.

Ad Arezzo i poliziotti della Sottosezione di Battifolle hanno individuato, all’alba di domenica, un’AUDI A6 con targhe tedesche false parcheggiata all’esterno di un albergo. Si sono piazzati fuori nell’attesa che si facesse vivo qualcuno e, poco dopo, è giunta una coppia che ha messo in moto per andare via. I due, un italiano e una rumena, sono stati bloccati poiché l’auto risultava rubata. La Polstrada li ha denunciati e sequestrato l’AUDI, per poi renderla al proprietario.

A Grosseto, sabato mattina la Stradale ha impedito la partenza di 63 persone, tra studenti ed accompagnatori di un Istituto Comprensivo cittadino, che erano pronti a recarsi in gita a Roma su due pullman. Uno degli autisti, però, non solo aveva la patente scaduta, ma gli mancava pure il certificato per guidare i bus. I poliziotti lo hanno multato con 2.000 euro, facendo giungere sul posto un altro conducente, questa volta in regola, con cui il gruppo è partito per la capitale