Coronavirus, due nuovi casi in Versilia

Due nuovi casi sospetti positivi al nuovo Coronavirus in Toscana. Uno è un ragazzo di 22 anni della provincia di Siena, giocatore della Pianese, che sabato scorso ha accusato i primi malesseri in albergo ad Alessandria. E’ rientrato autonomamente a casa e mercoledì gli è stato fatto il tampone a domicilio. Ora è ricoverato all’ospedale delle Scotte, a Siena, in isolamento. È in buone condizioni di salute. Gli stessi malesseri sarebbero stati accusati qualche giorno prima da un secondo giocatore della squadra, che l’azienda sta rintracciando.

Il secondo caso riguarda un uomo di 44 anni, che risiede a Torre del Lago e lavora a Vo’ (zona rossa nel padovano) in un birrificio. Vive da solo, ha passato il fine settimana con il figlio, ora in isolamento domiciliare fiduciario. L’uomo ha avuto i primi sintomi lunedì, con l’arrivo della febbre alta ha avvisato la Asl, che gli ha fatto il tampone a domicilio. L’uomo è in isolamento domiciliare fiduciario costantemente monitorato dalla Asl. È in buone condizioni di salute, non c’è necessità di ricovero. Per entrambi i casi sono in corso accurate indagini epidemiologiche su tutti i contatti.

Aggiornamento sulle condizioni di salute degli altri casi: l’imprenditore 63enne, ricoverato lunedì scorso a Ponte a Niccheri, è stabile ed in isolamento; lo studente nord-europeo di 26 anni, sempre ricoverato a Ponte a Niccheri, sta bene, le sue condizioni di salute sono buone; l’informatico di Pescia, ricoverato a Pistoia, è clinicamente guarito. Le condizioni di salute del paziente sessantenne ricoverato a Careggi sono buone. Ieri a tarda sera è giunta da parte dell’Istituto superiore di sanità la conferma della positività dei primi due casi toscani, l’informatico di Pescia e l’imprenditore di Firenze. Mentre siamo ancora in attesa di conferma per gli altri due casi.