Ultime News

Covid, Razzanelli (FI): “Esposto alla Corte dei Conti sull’acquisto delle mascherine”

Marco Stella: “Modello sanitario toscano da cambiare, servono merito ed efficienza”

Il consigliere comunale fiorentino di Forza Italia, Mario Razzanelli ha presentato ieri un esposto alla Procura Regionale della Corte dei Conti, trasmesso per conoscenza anche alla Procura della Repubblica di Firenze, in merito all’acquisto di una cospicua partita di mascherine protettive “che la Regione Toscana poteva comprare a 3 centesimi l’una, ma che invece ha acquistato in Cina a 40 centesimi cadauna. La Regione avrebbe potuto risparmiare 6milioni 330mila euro”. Lo ha annunciato il consigliere Razzanelli nel corso di una conferenza stampa, a cui ha preso parte anche il capolista di Forza Italia alle elezioni regionali nel collegio Firenze 1, il vicepresidente dell’Assemblea toscana, Marco Stella.

“Vogliamo capire le ragioni di questo esito, nefasto per le casse pubbliche e quindi per le tasche dei contribuenti – ha spiegato Razzanelli -. Noi abbiamo fatto il nostro dovere segnalando questa anomalia alle autorità competenti. Siamo certi che la verità verrà fuori. La Regione Toscana ha acquistato mascherine da distribuire gratuitamente ai cittadini. Ben 60 milioni di mascherine, di cui 40 milioni comprate all’estero e solo 20 milioni da aziende italiane, per una spesa complessiva di circa 35 milioni di euro. Noi ci siamo focalizzati sulle 23.400.000 mascherine cinesi, pagate dalla Regione 9.360.000 €, ben 40 centesimi l’una. Noi abbiamo ordinato le stesse identiche mascherine 3 veli a un’altra ditta cinese, abbiamo ricevuto una proposta di acquisto di 3 centesimi l’una. Si sarebbero potuti risparmiare 6.330.140 €”.

Stella, dal canto suo, ha focalizzato l’attenzione sul sistema sanitario toscano sotto un profilo politico: “E’ un sistema che conta su bravissimi ed efficienti medici, infermieri e operatori sanitari, ma è ingessato dall’ingerenza della politica, che fa scappare le eccellenze. Centinaia di medici toscani sono andati a fare carriera all’estero o in altre regioni, tra questi ben 12 luminari in varie discipline hanno lasciato cattedre e ruoli da primario in varie aziende ospedaliere della Toscana. La nostra sanità va rivoluzionata, e deve mettere al centro eccellenza, competenza e capacità – ha sottolineato Stella -. Tra mascherine, respiratori non arrivati, inchieste sui tamponi, emerge con forza la grave incapacità amministrativa della sinistra e del Pd. Dobbiamo chiedere ai toscani, con le elezioni del 20 e 21 settembre prossimi, se vogliono continuare a farsi male amministrare così, o se vogliono dare a noi di Forza Italia e del centrodestra la possibilità di cambiare in meglio la nostra regione”.